Spending review a chi? 3984 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
fotografia
PAUSE DI ATTENZIONE
senti chi parla
READING ROOM
CURATORIAL PRACTISES
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

Spending review a chi?

   
 Mentre i musei deperiscono, il MAXXI si allarga. Nominato un nuovo segretario generale. E non dovrebbe essere che la prima di altre nomine   
 
pubblicato
Ma non c'era già un segretario generale al MAXXI? Sì, e si chiama Alessandro Bianchi. Solo che d'ora in poi Bianchi si occuperà di marketing territoriale, e cioè? Più o meno quello che faceva prima, ma declassato. Il suo posto, infatti, è stato occupato da Francesco Spano. avvocato 34enne specializzato in diritto ecclesiastico e fido collaboratore della Presidente della Fondazione, Giovanna Melandri, che da anni se lo coltiva con vari incarichi: consulente legislativo, coordinatore della Consulta giovanile per il pluralismo religioso e culturale istituita quando Melandri era ministra dei Giovani e dello Sport. Competenza in arte contemporanea? Non pervenuta.
Tuttavia, per la carica di segretario generale, Spano percepirà uno stipendio di 72mila euro lordi all'anno. E Bianchi? Retrocede anche di stipendio, oltre che di carica? Chissà. Ma Spano non è la sola nuova consulenza voluta dalla presidente Melandri: la giovane Beatrice Iori, con studi a Londra, è stata assunta in qualità di sua assistente personale.

Giovanna Melandri

Chiariamo: qualunque presidente ha il diritto di circondarsi delle persone che più ritiene opportune per sostenerlo nel suo operato. Ma che tutto ciò accada in un museo che è sempre vissuto sul crinale dei finanziamenti mancati o tagliati, non pare una bella mossa. Specie per far ripartire quello stesso museo e specie nel panorama generale dei musei italiani su cui si abbattono tagli su tagli. Vedi il Castello di Rivoli, tanto per dirne uno, e di un certo peso.
Poi, non è che queste siano le sole nomine (e relativi stipendi) che si annunciano a via Guido Reni. Facciamo un po' di conti. Se nasceranno veramente i quattro, cinque (o sette?) dipartimenti previsti (ma quanti veramente e quali ancora non è dato saperlo), ci saranno altrettanti stipendi da mettere in bilancio, a parte i due degli ancora attuali direttori di MAXXI Arte e MAXXI Architettura, e cioè Anna Mattirolo e Margherita Guccione. Tolte loro, comunque si tratta di aggiungere altre due (o tre o cinque) poltrone con i relativi emolumenti.

Il MAXXI, Roma

E non basta. Perchè c'è il vertice maximo, e cioè il superdirettore con inevitabile superstipendio. Che non potrà essere di certo inferiore a quelli percepiti ora dalle attuali direttrici Arte e Architettura.
Quanto farà in totale? Quanto costerà il museo alla collettività, oltre quello che è già costato (di cantiere e dei primi tempi allegri, quando era ancora cantiere), mentre per la programmazione espositiva e non solo – i soli asset strategici che dovrebbero tenere degnamente in piedi il gigante di Zaha Hadid – si continua ad investire poco o niente? Situazione alla quale si aggiungono i rumors su possibili tagli ai piani bassi: leggi l'intero staff del museo (curatori, conservatori, restauratori e tutti gli altri) che fino ad oggi ha lavorato con, in media, 1.200 euro al mese.
Non è che i due milioni di euro, arrivati dal Mibac esattamente quando si è insediata Giovanna Melandri al posto di Pio Baldi, cominceranno ad essere erosi per le nomine di nuovi segretari, nuovi direttori o capidipartimento che siano? Noi, appassionato popolo dell'arte, ma anche occhiuto osservatore di ciò che gira intorno all'arte, vorremmo che fossero spesi per il museo, le sue mostre e la sua attività di ricerca.
Per la sua qualità, insomma. E per incrementarne prestigio e visibilità, in patria e fuori. Non per fare una spending review al contrario. (A.P.)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre