Illy SustainArt ad ARCOMadrid, ecco i vincitori: sono Julia Rometti e Victor Costales, pre... 3276 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Allons Enfant/6
Reading Room
CINEMA
Reading Room
Lettera Aperta
PREVIEW
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

Illy SustainArt ad ARCOMadrid, ecco i vincitori: sono Julia Rometti e Victor Costales, premiati poco fa alla fiera spagnola

   
   
 
pubblicato venerdì 15 febbraio 2013

Rometti e Costales, El Anarquismo Mágico, Premio Illy Sustaint Art, ARCOMadrid 2013

Sesta edizione per il Premio Illy SustainArt, assegnato ad ARCOmadrid e nato nel 2007 proprio alla fiera spagnola, con l’intento di approfondire il raggio di azione di illycaffè nell’arte contemporanea. A vincere oggi sono il duo di artisti composto dalla francese Julia Rometti e l’ecuadorianoVictor Costales, presentati nella sezione speciale "Solo Projects: Focus Latin America”, premiati da Carlos Urroz e da Carlo Bach, e selezionati da una giuria composta da João Fernandes, Vicedirettore di Conservazione al Reina Sofia; Jesús Carrillo, Capo del Dipartimento del museo spagnolo e dallo stesso Carlo Bach. Rometti e Costales vincono 15mila euro e la possibilità di presentare un progetto per la realizzazione di una illy Art Collection, le tazzine che hanno visto da vent'anni avvicendarsi i progetti di grandi artisti e talenti emergenti.
El Anarquismo Mágico, il lavoro premiato, racconta dell'incontro tra un anarchico espatriato nella giungla boliviana e una comunità di indigeni semi-nomade dell’Amazzonia, attraverso una serie di frammenti di narrazione antropologica, che i due artisti, Rometti nata nel 1975 e Costales classe '74, hanno descritto come «un campo di energia creato dalla collisione di queste differenze, che agisce come forza centrifuga, forza di cui ci siamo serviti per pensare e sviluppare la nostra pratica artistica». I due artisti sono rappresentati dalla galleria Jousse Entreprise di Parigi.


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre