cura. Al via i "Reckless Projects" nello spazio rinnovato, con una nuova pelle per il maga... 3232 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
PAUSE
DI ATTENZIONE
ALLONS ENFANT/13
IN RICORDO DI MARIO ONOFRI
I GALLERISTI SI RACCONTANO/4
reading room
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

cura. Al via i "Reckless Projects" nello spazio rinnovato, con una nuova pelle per il magazine e la cover di Oliver Osborne

   
   
 
pubblicato

Oliver Osborne, The Differences Between Light and Light and Light, 2011, Acrylic on canvas, 180 x 120 cm

Arriva da Londra il giovane Oliver Osborne, classe 1985 e studi alla Royal Academy, a inaugurare, con una una sua cover, il nuovo numero di cura.magazine, che da questa sua 13esima uscita cambia anche pelle graficamente. Ma c'è un'altra sostanziale novità: da domani, e per due giorni, cura. apre, dopo la ristrutturazione, gli spazi del basement di via Ricciotti, a Roma, che darà inizio al primo dei Reckless Projetc e anche ad una nuova stagione di talk e che metterà in mostra per l'occasione anche tre lavori di Osborne, facendo uscire la pittura dell'artista, metaforicamente, dalla copertina. L'occasione, inoltre, non è solo quella della presentazione della nuova rivista, ma anche quella di una riflessione intorno al dualismo Figurazione-Astrazione che Osborne ha messo in scena, creando una serie di domande a partire da quei momenti del '900 dove la prima corrente è stata letteralmente ingoiata dai toni dell'astratto, quasi fosse un modello più autentico di pittura, una ragione filosofica, severa e profonda, in contrasto con la "dolcezza” della figura. Un tema  di "copertina", questo, letto da Isobel Harbison. Ma c'è un'altra novità romana per Osborne: nel corso di quest'anno il suo lavoro sarà esposto anche in un'altra delle giovani e più trendy realtà dell'arte contemporanea della Capitale; Frutta. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre