“In & Out”, ovvero il Piemonte che guarda al Medio-Oriente e all'Asia. Ecco i nomi degli a... 3117 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Reading Room
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
La lavagna
Exibart.segnala
 
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

“In & Out”, ovvero il Piemonte che guarda al Medio-Oriente e all'Asia. Ecco i nomi degli artisti che prenderanno parte alle residenze del programma “Resò” 2013

   
   
 
pubblicato martedì 5 marzo 2013

Eva Frapiccini, Dreams time capsule, allestita nel 2012 presso la Townhouse Gallery del Cairo

Import-Export di artisti, da e per il Piemonte. Arriva al terzo anno l'edizione del programma di residenze internazionali promosso dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, Resò. Due artisti saranno "In”, ovvero dall'estero verranno "adottati” dal Piemonte, mentre una coppia farà la parte "Out”, ovvero espatrierà per qualche tempo verso nuovi lidi dove poter sperimentare un nuovo percorso.
Chi sono i selezionati per il nuovo appuntamento? Fatma Bucak, nata in Turchia, diplomata al Royal Collage of Arts di Londra e attiva sul territorio torinese, che partirà alla volta del Cairo in una residenza alla  Townhouse Gallery; mentre in India andrà Franco Ariaudo, nato a Cuneo, membro e fondatore del Progetto Diogene, che lavorerà alla Khoj International Artists Association. 
A Torino, e più precisamente alla Fondazione Spinola Banna di Poirino e al PAV -Parco Arte Vivente- arriveranno la coppia egiziana Malak Helmi e Nida Ghouse e gli indiani del Frameworks Collective.
La piattaforma Resò, formata dall'Accademia Albertina delle Belle Arti, Castello di Rivoli, CeSAC di Caraglio, Città e Provincia di Torino, GAI e Cittadellarte, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Spinola Banna per l’Arte, PAV, Eco e Narciso e dai partner stranieri Khoj-International Artist Association di New Delhi e  Townhouse Gallery del Cairo, nelle scorse edizioni aveva visto anche alcuni spostamenti verso il Sud America, a Rio De Janeiro e San Paolo, con la partecipazione di giovani già attivi nel sistema dell’arte internazionale, tra cui Magdi Mostafa, Dina Danish -Premio Illy ad Artissima 2011-, Amilcar Packer, i fratelli De Serio, Paola Anziché, Ottavia Castellina ed Eva Frapiccini. Una conferma dello sguardo ai Paesi del Sud e dell'Est, e una probabile garanzia di successo per i nuovi partecipanti.


strumenti
invia la notizia ad un amico
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
inserisci un commento alla notizia

trovamostre