25-31 marzo 2013 - that's contemporary Milan week – S.O.S. O' 3198 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
CINEMA
Reading Room
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

25-31 marzo 2013
that's contemporary Milan week – S.O.S. O'

   
 “O' Rescue Program”, una raccolta fondi per l'Associazione milanese, che mette a disposizione il suo spazio per la condivisione. Per rimanere libera e aperta agli artisti e al pubblico
di Francesca Baglietto
  
 
pubblicato domenica 7 aprile 2013

FOOL MOON SALON, Princess Century. Progetto interdisciplinare dell'artista Dafne Boggeri, 2012. Courtesy of O'
Charles Lim Yi, Seastories, 2013, Courtesy O'
Copertina Cronache di Pianeta Fresco, Rassegna di altri media d’artista, 2012, Courtesy O'
Jean-Benoît Ugeux e Wolfgang Natlacen, Copertina del progetto Brigitte, 2013 Courtesy O'




Sei mai stato da O' a Milano? Se la risposta è si, avrai percepito l'entusiasmo e la dedizione dello staff che lavora alla fitta programmazione che lo caratterizza dal 2001. Se la risposta invece è negativa, augurati di trovare il tempo di andare, perché gli eventi di O' sono piccole perle di luce in una Milano spesso grigia. In entrambi i casi, c'è da augurarsi che la pesca benefica del 23 marzo abbia raccolto abbastanza fondi per riscattare il contratto d'affitto dello spazio e quindi permettere alla sua attività di continuare.
La pesca, o ancora meglio, O' Rescue Benefit Grand Soirée, ha trasformato lo spazio di Via Pastrengo in una scatola delle meraviglie, di un'atmosfera alchemica "con fusioni bislacche di oggetti e partecipazioni d'artista”. Ovviamente, al di là della magia del'evento, la pesca ha convertito O' in un luogo della partecipazione e della responsabilizzazione da parte di una città che non potendo contare più sulle risorse pubbliche deve farlo su stessa.
Per sostenere O', e perché Milano non perda uno dei suoi spazi più indipendenti, c'è tempo fino al 31 marzo.




strumenti
invia la notizia ad un amico
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
inserisci un commento alla notizia

trovamostre