il Facebook di Frank Gehry? Anonimo. Il secondo quartier generale di Menlo Park, progettat... 3205 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
CINEMA
Reading Room
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

il Facebook di Frank Gehry? Anonimo. Il secondo quartier generale di Menlo Park, progettato dall'archistar, sarà un "buco" anonimo nel terreno

   
   
 
pubblicato domenica 31 marzo 2013

Facebook West, rendering del progetto di Frank Gehry

Non c'è pace per Frank Gehry, che forse dovrà rinunciare al suo Memoriale di Eisenhover e, in qualche modo, rinunciare alla sua "architettura emozionale" anche in riferimento al nuovo progetto del quartier generale di Facebook di Menlo Park in California, ordinato proprio da Mister Zuckerberg.
Il social network ha avuto l'approvazione, da parte del consiglio comunale della città, nella zona tra San Francisco e San Josè, questa settimana, con il via libera a procedere con il quartier generale di "Facebook West" di Menlo Park, in California, quasi 40mila metri quadrati di edificio dall'altra parte della strada rispetto alla sede generale esistente. A Gehry, però, è stato chiesto un design anonimo che si integri molto bene all'ambiente, l'opposto del solito e accattivante carattere distintivo dell'architetto. Mark Zuckerberg pare abbia respinto l'idea delle due estremità svasate, simili ad ali di farfalla, e Craig Webb -assistente del grande architetto- ha che Gehry è stato ben disposto a creare un edificio che si fondesse con il quartiere, che non portasse eccessiva attenzione al già blasonato marchio. Insomma, anche l'edificio dovrà essere il marchio fabbrica di stile di Zuckerberg, vestito con la larga felpa grigia con cappuccio, jeans e scarpe da ginnastica: un involucro senza pretese intorno a un soggetto molto capace. E anche il "profilo" sarà piuttosto basso rispetto alle recenti opere di Gehry: integrazione nel verde, con un parco sopra la copertura, un parcheggio sotterraneo e uno a ridosso del parco, con una rampa per l'accesso alla vicina Bayfront Expwy. Insomma, anche qui sembra che ci si stia, in qualche modo, un po' "ridimensionando". E che Gehry sia più che mai disposto ai compromessi.


strumenti
invia la notizia ad un amico
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
inserisci un commento alla notizia

trovamostre