Un anno con MoRE. Il museo delle opere perse da domani avrà la sua prima mostra e sei nuov... 3153 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Allons Enfant/6
Reading Room
CINEMA
Reading Room
Lettera Aperta
PREVIEW
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

Un anno con MoRE. Il museo delle opere perse da domani avrà la sua prima mostra e sei nuovi “regali” firmati Monk, Hirsch, Presicce, Bertocchi, Bonacorsi e La Pietra

   
   
 
pubblicato domenica 31 marzo 2013

Luigi Presicce - progetto per Camera della morte, MoRE Museum

Vi abbiamo parlato spesso, nel corso del 2012, del MoRE - Museum Of REfused and unrealised art projects-, il progetto curato da Marco Scotti ed Elisabetta Modena, reso possibile grazie alla collaborazione con il centro CAPAS dell’Università degli Studi di Parma. Perché trattasi di una dimensione originale e per niente "effimera” dell'arte, nonostante l'archivio dei progetti "rifiutati o non realizzati” di alcuni artisti del XX e XXI secolo sia solo virtuale.
MoRE mostra le variabili possibili nella produzione dell'arte, le problematiche dovute a costi, i progetti che non hanno trovato fortuna, gli "errori” che, in qualche modo, spesso sono le condizioni più numerose nelle carriere degli artisti.
Domani giorno di festa anche per MoRE dunque, che inaugura il suo primo compleanno a suon di sei nuovi progetti  donati da alcuni degli artisti che hanno già "esposto” precedentemente negli spazi virtuali del museo: Jonathan Monk, Debora Hirsch, Luigi Presicce, Davide Bertocchi, Ivo Bonacorsi e Ugo La Pietra hanno inviato un pensiero "virtuale” che sarà fruibile sul sito https://moremuseum.wordpress.com/, insieme ad un video che racconta i 12 mesi di vita della struttura, realizzato dalla videomaker Katia Goldoni.
E in attesa di vedere nelle sei sale della struttura le nuove acquisizioni di Erwin Wurm, goldiechiari e Massimo Uberti, si potranno continuare a vedere «opere specifiche per precisi contesti che non siano state realizzate per motivazioni tecniche, logistiche, ideologiche, economiche, morali o etiche» affermano i due curatori. «Con MoRE vogliamo dare loro visibilità e offrire la possibilità di consultare materiali che solitamente non sono accessibili, aprendo inoltre una riflessione sulle dinamiche dell’arte contemporanea e di chi vi opera».
Insomma, non perdete l'occasione per fare attenzione ai "refusés” di Cesare Pietroiusti, Paolo Scheggi, Davide Mosconi, Silvio Wolf, Grazia Varisco, Valerio Berruti, Regina Josè Galindo e Jeremy Deller, oltre ai sei artisti già nominati, in "ONE MoRE YEAR” la prima mostra organizzata, in un museo sullo schermo che non ha dimenticato né bookshop né deposito. E buona gita, gratuita, di Pasquetta!


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre