Kimsooja, curata da Seungduk Kim, per la Corea. A Venezia un progetto di luce e colori, in... 3067 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/09/2018
Annunciati i film italiani che se la giocheranno agli Oscar
18/09/2018
L’età dei vent’anni. Andrea Senoner vince la quarta edizione del Premio Cramum
17/09/2018
Appuntamento ai Giardini della Biennale. Lavazza restaura lo storico Caffè Paradiso
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Kimsooja, curata da Seungduk Kim, per la Corea. A Venezia un progetto di luce e colori, in un buco nero che guarda la laguna

   
   
 
pubblicato

Kimsooja, To Breathe: Bottari, 2013. Mixed media. Courtesy of Kimsooja Studio

Organizzato da Arko, Arts Council Korea, sarà la grandissima artista coreana Kimsooja, che vive in quello che lei stessa definisce un "auto-esilio” a New York, a rappresentare il Paese orientale alla 55esima biennale di Venezia. Definita dal comitato nello scorso agosto, la partecipazione nazionale di Kimsooja in laguna sarà curata da Seungduk Kim, a sua volta professionista in esilio in Francia, dove dal 2001 è co-direttore di Le Consortium Contemporary Art Center di Digione. 
«I Padiglioni nazionali tradizionalmente ospitano il focus su un artista. Io volevo che anche l'artista mettesse a fuoco il suo ambiente, riprogettandone anche l'architettura: il Padiglione coreano è in metallo con finestre di vetro, completamente aperto alla laguna e circondato da alberi ad alto fusto. Ho deciso di invitare Kimsooja, artista di fama internazionale, per le sue opere video e installazioni, a trasformare lo spazio dei Giardini in una particolare esperienza per i visitatori, con un momento di luce e colore, creato in un buco nero» ha dichiarato Seungduk Kim.
Alla sua quinta partecipazione in Biennale, vi ha partecipato anche nel 2007, 2005, 2001 e 1999, non è la prima volta che l'artista sarà presente in uno "show” diretto da Massimiliano Gioni, che l'aveva invitata alla Biennale di Gwanju, nel 2009. Un'installazione To Breathe: Bottari, che tornerà ad impegnare lo spazio non solo con gli ormai celeberrimi bottari, ma che avrà tra i suoi elementi caratterizzanti anche specchi e suoni, con un ampio riferimento alle catastrofi naturali: Kimsooja, che ha avuto mostre personali al MoMA PS1, Hirshhorn Museum , alla Fondazione Bevilacqua La Masa e al Baltic Center nonché alla Kunsthalle di Berna e Vienna, dopo l'uragano Sandy ha vissuto una settimana senza acqua luce e gas, e ha dichiarato di aver pensato molto al lavoro veneziano per l'occasione. E a come inserirvi un "cambiamento” di prospettiva. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram