L'occhio felice di Christie's. Un'asta per oltre settanta, magnifici, pezzi di Modernismo ... 3095 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
SENTI CHI PARLA
fotografia
PAUSE D’ATTENZIONE
READING ROOM
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

L'occhio felice di Christie's. Un'asta per oltre settanta, magnifici, pezzi di Modernismo fotografico. Che proveranno a battere cinque milioni di dollari

   
   
 
pubblicato

Edward Weston, Nudo, 1925, courtesy Christie Ltd, 2013

Si intitola "The Delighted Eye”, e potrebbe tranquillamente essere una mostra a tema sulla fotografia ai tempi delle Avanguardie del Novecento: settantuno pezzi, datati 1900-1925, che invece andranno in asta da Christie's a New York, il prossimo giovedì. Edward Weston, Alfred Stieglitz, Constantin Brancusi, Alvin Langdon Coburn, Man Ray, Tina Modotti, Christian Schad, Edward Steichen e Paul Strand sono solo alcuni degli highlights che si batteranno compresi tra stime medie che si aggirano sui 200mila dollari: al primo posto un Nudo di Edward Weston, il lotto più caro: stima 400-600 mila euro, andata l'ultima volta in asta nel 1980, da Sotheby's N.Y.
C'è poi Stieglitz, 300-500mila dollari per From the Back Window "291"  N.Y., Summer 1914, meraviglioso documento della crescita della Grande Mela, rimando immediato alla pittura di Hopper in una dimensione di 24x19 centimetri. Terzo posto per Man Ray, con un Rayograph del 1922 senza titolo: qui la stima è 250-350mila, la stessa stima che su cui va anche Akeley Motion Picture Camera, New York, 1922 di Paul Strand, mentre segue André Kertész, con Chairs, the Medici Fountain, Jardin du Luxembourg, 1925, dove invece il focus è puntato sulla vecchia Parigi, a 200-300 mila dollari. Come Tina Modotti, Moholy-Nagy ed Edward Steichen. E poi Josef Sudek, Hans Richter e Muybridge e collage di Paul Citroen, solo per citarne alcuni. 
Tutti i pezzi provengono da una collezione privata sudamericana, coadiuvata dall'ex Vice Presidente del Centro Internazionale di Fotografia di Manhattan, Jill Rose, e dalla vendita Christie's si aspetta di realizzare in eccesso qualcosa come 5,2 milioni di dollari. Una raccolta che gli head della casa d'aste hanno definito "superba”, che ha preso la sua forma quando il collezionista e Rose hanno messo insieme una "lista dei desideri” che comprendeva nomi di fotografi d'elite, iniziando a raccogliere riproduzioni di immagini ideali di questo gruppo influente. Roba da veri collezionisti!
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre