AIPAD, la fotografia è servita. Al via all'Armory di Park Avenue la 33esima edizione della... 3259 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
reading room
la lavagna
SENTI CHI PARLA
CURATORIAL PRACTISES
ALLONS ENFANT/10
Reading room
Exibart.segnala
sondaggio
Secondo voi, la liberalizzazione dei 20 musei di importanza strategica individuati dalla riforma Franceschini:
• I musei diventeranno più forti dopo il loro ingresso sul “mercato”
• Il magro budget o l'instabilità politica di queste istituzioni saranno un freno
• è una buona scelta
• Arriveranno direttori stranieri
recensioni
rubriche
         
 

AIPAD, la fotografia è servita. Al via all'Armory di Park Avenue la 33esima edizione della kermesse dell'Association of International Photography Art Dealers

   
   
 
pubblicato martedì 2 aprile 2013

AIPAD 2013: David Zwirner Gallery -Adel Abdessemed - Séparation - 2006 - c-print - cm 93x105,4x5,7 - courtesy l’artista e David Zwirner, New York-

Trentatreesima edizione di  AIPAD, il salone newyorkese di fotografia, che prenderà corpo da domani al 7 aprile nella sede dell'Armory di Park Avenue, con 75 gallerie che presenteranno il best of della fotografia internazionale: un'offerta quasi museale, compresa anche di videoarte e immagini non solo del XX secolo ma anche degli autori più contemporanei. The Association of International Photography Art Dealers (AIPAD), avrà in prima linea uno stuolo di gallerie New York based, da David Zwirner a Yossi Milo, da Andrea Meislin a Howard Greenberg, senza nessun arrivo dall'Italia. In realtà non sono poi molte le partecipazioni che hanno attraversato Atlantico o Pacifico per raggiungere l'Armory: dalla Cina solo due presenze, la M97 Gallery di Shanghai e la 798 di Pechino, e da Parigi c'è SAGE, che schiera i suoi cavalli di battaglia più forti: Diane Arbus, Eugene Atget, Walker Evans, André Kertész, Man Ray, Talbot, Cy Twombly e Tomoko Yoneda. 
E tra i sei esordienti dell'edizione di quest'anno ci sono proprio la M97 e SAGE, oltre alla londinese  Brancolini Grimaldi, la Fifty One Fine Art Photography di Anversa, Klompching, di Brooklyn, e PPOW, ancora da New York. Il big dei big Zwirner? Uno stand dove sarà rappresentato il lavoro di James Welling. Aggiornamenti in corso sulle vendite di una fiera quasi esclusivamente a "cittadinanza” yankee. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre