Come un'installazione monumentale di metallo e neon può essere gentile 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Come un'installazione monumentale di metallo e neon può essere gentile

   
 Ecco un altro degli eventi collaterali più interessanti di questa Biennale, l'intervento site specific di Pedro Cabrita Reis, a Palazzo Falier [di Matteo Bergamini e Paola Ugolini]  
 
pubblicato
Pedro Cabrita Reis a Palazzo Falier, con la mostra - A remote whisper - Pedro Cabrita Reis a Palazzo Falier, con la mostra - A remote whisper -

Nato nel 1956, l'artista portoghese Pedro Cabrita Reis è di "stanza”, in questa 55esima Biennale, nel piano nobile di Palazzo Falier, antica dimora veneziana affacciata sul Canal Grande, con tutti i crismi della storia architettonica, dei toni e dei complementi lagunari. Un intervento tra i più spettacolari degli "eventi collaterali”, con l'artista che ha utilizzato per la sua installazione A remote whisper qualcosa come 700 metri quadrati, in un equilibrio formale eccezionale.
Tra le stanze corre una struttura di tubi di metallo, che ricorda una trama industriale, lucidissimi, che sostengono a loro volta una serie di neon, intersecandosi, rincorrendosi, bucando e riempiendo lo spazio, delimitandone il perimetro e mettendo in scena una vera e propria conversione dell'ambiente. Pur mantenendo una vera gentilezza, l'installazione muta vertiginosamente l'essenza del piano di Palazzo Falier.

Palazzo Falier, Venezia

Un approccio irreale e onirico, che mette in scena uno dei migliori esempi contemporanei di come l'opera possa sposarsi con l'ambiente: un ambiente che, appunto, non è neutro, ma trasuda storia e tradizione. Attraverso i suoi moduli Cabrita Reis spezza, allarga, sfonda lo spazio con una poesia davvero visiva, fatta di luce e metallo. Uno dei "best” da non lasciarsi scappare nel turbinio dei giorni dell'opening. E non solo. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram