Da collezionista a collezionista 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Da collezionista a collezionista

   
 Un nonno e un nipote, Giorgio Franchetti e il suo Junior, che dialogano uniti all'insegna della passione per l'arte, da Mantegna a Tano Festa. Con un risultato incredibile: a Cà D'Oro  
 
pubblicato
Tano Festa: Particolare delle Tombe Medicee, 1965. Collezione privata

Metti che Urvasi e Gilgamesh di Gino De Domicis, forme nere su fondo oro del 1980 dialoghino insieme, contornati da una sala zeppa di opere del cinque-seicento di scuola veneziana, di tema naturalmente sacro. Metti anche che, poco più avanti, si scoprano pezzi di Francesco Guardi, e che in una vera cappella vi sia il Martirio di San Sebastiano del Mantegna, che si sposa con la rivisitazione delle Cappelle Medicee di Tano Festa. É un ponte e un dialogo tra passato e presente esplosivo quello che si apre davanti agli occhi a Cà d'Oro, nella mise en scene delle due collezioni Franchetti, con nonno Giorgio appassionato di antico e Moderno, e il nipote Franchetti jr, scomparso nel 2006, che si incontrano tra pop art romana e grandi Maestri della pittura. Per la prima volta le due sezioni sono visibili contemporaneamente, con la cura della parte contemporanea affidata a Flavio Fergonzi: «Senza il sostegno, l’azione e la presenza stessa nel mondo degli ateliers e delle gallerie di questo insolito e geniale collezionista non sarebbe esistita, di fatto, la Scuola romana di Piazza del Popolo». 

Andrea Mantegna: San Sebastiano. Collezione G. Franchetti. Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro

Verissimo, perché Giorgio Franchetti Jr. aveva iniziato raccogliendo pezzi dell'Espressionismo Astratto Americano durante i suoi viaggi di lavoro negli States, rivenduti poi per tutti i giovani che affollavano La Tartaruga di Plinio De Martiis. Tutti tranne uno, Cy Twombly, di cui a Cà d'Oro non solo è presente un bellissimo pezzo degli anni Cinquanta, con echi surrealisti, ma anche con un ritratto all'amico. Che oggi ce lo consegna al di là del tempo, in una collezione che contiene altre strepitose opere firmate Enrico Castellani, Alighiero Boetti, Piero Manzoni, Mimmo Rotella, Mario Schifano, Ceroli, Franco Angeli e Luigi Ontani. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram