Reading Room - Un Messaggio di Portata Universale. Il Potere delle Immagini secondo David ... 3236 utenti online in questo momento
exibart.com
giochi
 
community
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
La lavagna
Question Time
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

Reading Room
Un Messaggio di Portata Universale. Il Potere delle Immagini secondo David Hockney

   
 di Ivan Fassio
In una serie di interviste, il più celebre pittore vivente, autore dei paesaggi che delimitano la nostra sensibilità contemporanea, racconta la propria personale visione dell'arte
 ivan fassio 
 
pubblicato giovedì 4 luglio 2013
David Hockney si è servito di metodi assolutamente inediti per affrontare gli eterni argomenti dell'arte: alberi e tramonti, distese di campi e sentieri, aurore e cieli stellati. Nei secoli XVII e XVIII  il problema del disegno e della pittura di questi soggetti era il nucleo delle riflessioni di artisti come Claude Lorrain,  William Turner e John Constable. Hockney ha ripreso le stesse sfide, sondando le possibili modalità di traduzione pittorica dell'esperienza sensibile. Le procedure fondanti della rappresentazione sono le basi da cui muove ogni sua intuizione per nuove opere: l'arresto, la trasformazione e la modificazione del tempo per oggetti fermi o in movimento, l'appiattimento dello spazio e la resa della profondità, l'efficacia della visione prospettica all'interno di determinate coordinate culturali, le alterazioni dovute a reazioni psicologiche soggettive.

La copertina del libro

Martin Gayford, critico d'arte e autore, recentemente,  di un'importante monografia sull'amicizia tra Van Gogh e Gauguin, ci accompagna in un viaggio nello spazio e nel tempo, rigorosamente attraverso l'opera di David Hockney. I luoghi sono quelli di Bridlington nello Yorkshire, di Londra e Los Angeles, le località di origine e di adozione del pittore Inglese. Il tempo è quello trascorso nei dieci anni dal 2001 al 2011, periodo in cui si sono svolte le interviste raccolte nel libro. Sin dall'inizio, possiamo percepire che il dialogo tra l'artista e il critico è riuscito ad oltrepassare continuamente i limiti della conversazione formale, trasformandosi sempre in un incontro più libero e più ampio. Registrando intere giornate passate insieme all'autore, Gayford ha raggiunto lo scopo di  approfondire l'approccio cronologico della narrazione con notazioni e inserti generici sulle tematiche fondamentali della produzione dell'artista.
A partire dai collages fotografici degli anni Ottanta, David Hockney inizia a spezzare la visione del mondo basata sulla prospettiva centrale in una decina di punti di vista differenti. Utilizzando il processo tipico del disegno per assemblare le proprie opere realizzate con Polaroid, l'artista ha saputo rispondere alla domanda sulla validità culturale della pittura all'interno di un sistema di riproduzione continua della realtà. L'immaginazione con cui gli scorci sono rimontati rimanda ad una conoscenza ulteriore, che sa stabilire una percezione del mondo affettiva di fronte alla freddezza gerarchica dello sguardo tecnologico.

David Hockney - Beverly Hills Housewife

Il titolo del volume, A Bigger Message, fa riferimento ad un'opera realizzata dall'autore nel 2010 a partire dal dipinto Il Discorso della Montagna (1656) di Claude Lorrain. L'originale mostrava lo spazio non tanto secondo una struttura lineare, ma seguendo una prospettiva aerea, basata sulle tonalità. Il pittore seicentesco, che era solito passare gran parte del tempo sdraiato sui campi, l'aveva costruito seguendo degli effetti di luce. Hockney che, non a caso, preferisce dipingere en plein air, se ne è servito per uno studio sull'impostazione dello spazio e sull'impatto cromatico della luminosità. Appropriatosi del soggetto e copiato a grandi linee il quadro, ne ha ripulito e mostrato i contenuti da un punto di vista lievemente più alto. Il risultato è un'opera quasi religiosa, in cui il sermone sembra rivolto ad un'umanità amplificata e disseminata sull'intero pianeta. Un messaggio inscritto in ogni riflessione sul potere e sulle possibilità dell'immagine, che l'artista sembra fare proprio anche nella vita privata, inviando ad amici e conoscenti piccoli dipinti realizzati intervenendo con le dita sullo schermo del suo iPad.

Martin Gayford, A Bigger Message. Conversazioni con David Hockney
Editore: Einaudi
Pagine: 248
Data di pubblicazione: 2012
ISBN 9788806213459
Lingua: Italiano
Prezzo: 28.00 €


strumenti
invia la notizia ad un amico
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di ivan fassio
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
inserisci un commento alla notizia

trovamostre