La “Qahwa” sul cortile. Prato ha un nuovo spazio per il contemporaneo, che inizia con una ... 3096 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Reading Room
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
La lavagna
Exibart.segnala
 
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

La “Qahwa” sul cortile. Prato ha un nuovo spazio per il contemporaneo, che inizia con una storia di doppia identità

   
   
 
pubblicato giovedì 18 luglio 2013

Vanni Meozzi, Rear Window

I riferimenti alla cinematografia di Alfred Hitchcock, in occasione della nuova apertura dello spazio Qahwa di Prato, si sprecano. Eppure c'è qualcosa di affascinante e misterioso nel progetto del giovane Vanni Meozzi, pratese 1984, scelto come artista inaugurale da Margherita Nuti e Rocco Poiago che, dopo anni di attività nel campo dell’arte contemporanea, hanno deciso di aprire uno spazio proprio dove mostrare arte senza limiti di disciplina o mercato, allineando anche spettacolo ed editoria. 
Si intitola infatti "Rear Window
” la mostra di Meozzi, celebre riferimento al più celebre, in italiano, "La finestra sul cortile”, del grande regista britannico, nato a Londra nel 1899. 
Ma cos'ha fatto Vanni Meozzi per aggiudicarsi questo appellativo hithcockiano e portarsi a casa, forse, anche una citazione per "Vertigo”? Ha scelto di ribaltare uno spazio, anzi, precisamente una finistra. 
Una grande apertura tradizionale dell’architettura industriale pratese si affaccia su una corte interna che pochi hanno il privilegio di godere. Ma l'architetto mette a punto  un’operazione di copia-incolla nello spazio fisico. Ritaglia una finestra dalla parete Nord dello spazio Qahwa, e la traspone sulla parete Sud, con la tecnica del light box. 
Apre un’altra finestra, opposta e speculare a quella vera, su un tempo congelato, dove non esiste notte e la luce è sempre la stessa, quella di un tramonto di un giorno di luglio. 
Mentre le piante della finestra sul cortile mutano, quelle di questa "Rear Window” sono sempre le stesse e guardano beffarde schermate dal vetro che le confonde in un luogo eterno. Un fraintendimento che apre anche la prospettiva della dimensione di uno spazio che non si rappresenta come un canonico luogo dell'arte, ma come una fucina di allusioni e sconfinamenti tra varie pratiche. L'appuntamento, per conoscere questa nuova realtà è per oggi, alle 19. www.qahwa.it


strumenti
invia la notizia ad un amico
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
inserisci un commento alla notizia

trovamostre