Premiopoli. Ecco il Meru Award, dove l'arte e la scienza si incontrano. Per la prima volta... 3685 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
fotografia
PAUSE DI ATTENZIONE
senti chi parla
READING ROOM
CURATORIAL PRACTISES
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

Premiopoli. Ecco il Meru Award, dove l'arte e la scienza si incontrano. Per la prima volta a Bergamo

   
   
 
pubblicato

GAMeC, Bergamo

«Nonostante la crisi e i tagli, la GAMeC continua a rilanciare e riaprire prospettive». Parola del direttore, Giacinto di Pietrantonio, sul nuovo Premio targato da Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo,  Fondazione MERU e Associazione BergamoScienza.
Si chiamerà "Meru Art Science Award” e sarà un riconoscimento che intende sottolineare il legame tra arte e scienza, premiando e sostenendo il lavoro di un artista invitato a presentare un progetto che elabori una riflessione sul rapporto tra le due discipline. Un concorso a invito, dove per ogni edizione verranno chiamati cinque artisti, che dovranno presentare un’opera inedita concepita sulla base di un budget assegnato e di requisiti specifici, ovvero attendosi alla mission della Fondazione MERU - Fondazione Medolago-Ruggeri per la ricerca biomedica, organizzazione senza scopo di lucro che sviluppa ricerche scientifiche e biomediche nel campo della biologia vascolare. I progetti dovranno essere connessi a temi come la prevenzione, la diagnosi e la cura delle patologie. Il lavoro vincitore di ciascuna edizione entrerà a far parte della Collezione Permanente della GAMeC e degli archivi della Fondazione MERU e dell’Associazione BergamoScienza. Volete sapere chi sono i primi cinque ad entrare nella lista del Primo Meru Award? Eccoli: Anna Franceschini, selezionati dalle codirettrici della Nomas Foundation Cecilia Canziani e Ilaria Gianni, gli Invernomuto proposti dal curatore dell'Hangar Bicocca Andrea Lissoni, Nick Laessing, segnalato da Elena Volpato, della GAM di Torino, Diego Marcon, su richiesta di Daniela Zangrando, curatrice e direttrice della rivista L’Allocco e Luca Trevisani, selezionati dal curatore e caporedattore di Nero Magazine Luca Lo Pinto. Il vincitore sarà annunciato nelle prossime settimane, e sarà visibile al GAMeC dal 4 ottobre, con la premiazione il giorno successivo, nella IX edizione della Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI e in occasione del Festival BergamoScienza. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre