"Sognare giocando", ovvero fate immortalare il vostro compagno di giochi preferito, in un ... 5278 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
fotografia
PAUSE DI ATTENZIONE
senti chi parla
READING ROOM
CURATORIAL PRACTISES
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

"Sognare giocando", ovvero fate immortalare il vostro compagno di giochi preferito, in un happening che guarda alla costruzione del mondo

   
   
 
pubblicato

Bruno Cattani, -Sognare giocando- 2013

C'è dietro uno sguardo verso le rappresentazioni mentali che ognuno di noi ha vissuto in compagnia di un compagno di giochi inanimato. Quella porzione di mondo che ci ha accompagnato per un periodo di tempo più o meno lungo dell'infanzia. "Sognare giocando” è il progetto del fotografo Bruni Cattani, che oggi all'Atelier Anna Baldi Almanacco di Reggio Emilia metterà in scena con l'ausilio di chi porterà con sé il proprio giocattolo, che sarà fotografato in un piccolo set, preludio di una mostra che sarà sviluppata in primavera.
Spiega Cattani: «I giocattoli in sé, se non sono stati usati non hanno vita. Sono tutti uguali, sono oggetti concreti, ma se un bambino li ha toccati, amati, sbattuti, trasformati, vivono; i segni delle emozioni, delle fantasie che hanno rappresentato nel gioco e che il bambini hanno vissuto attraverso di loro, lasciano una traccia, che si vede e che si "sente”, nel colore, nella forma, nella posizione in cui sono rimasti».
Una posizione di "Narrative Art” a partire da quella dimensione che per i bambini non è un passatempo, ma il lavoro fondamentale attraverso cui crescere ed alimentare il pensiero simbolico, lo spazio mentale.
Fotografo dal 1982, il progetto del gioco di Cattani arriva a qualche anno di distanza dalla commissione del Musée Rodin di Parigi "Camille Claudel. Anatomia di una vita interiore” per Palazzo Magnani e da "Luoghi della Follia”, esposto alla Galleria Parmeggiani. 
Un percorso che non abbandona la fascinazione per il mondo dell'anima, riportando anche in questo caso una traccia, una presenza giocosa che si scopre e che si "sente”, nel colore, nella forma, nella posizione in cui sono rimasti i giochi immortalati. Un incantesimo che svela tutto il mondo della gioia, del coraggio, ma anche della paura e dell'abbandono. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre