All'aperto, Frieze. Tra Gargoyle, Plensa e “Piss Flowers”. Ecco i protagonisti del prossim... 3148 utenti online in questo momento
exibart.com
giochi
 
community
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
La lavagna
Question Time
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

All'aperto, Frieze. Tra Gargoyle, Plensa e “Piss Flowers”. Ecco i protagonisti del prossimo “Sculpture Park” londinese

   
   
 
pubblicato domenica 22 settembre 2013

Helen Chadwick, Piss Flowers, (1991-92), bronzo, smalto, celluloide

Manca un mese, opening il prossimo 17 ottobre, per la fiera delle fiere. Ma certo, parliamo di Frieze London, accompagnata dal progetto Frieze Masters e dallo Sculpture Park, l'esposizione all'aperto che accompagna ogni edizione, comprese quelle newyorkesi. 
E chi ci sarà quest'anno tra il verde di Regent’s Park? Le opere presentate saranno 20, tra cui un pezzo di Joan Mirò e una scultura di Jaume Plensa. Per la prima volta, inoltre, sotto la curatela di Clare Lilley, direttrice dello Yorkshire Sculpture Park, sarà allestita Piss Flowers, opera di Helen Chadwick dei primi anni '90, che non è mai stata esposta all’aperto, anche se per l'esterno -sotto gli alberi e tra I fiori- è stata pensata originariamente.  Le opere sono state create da Chadwick che, come è noto, ha urinato nella neve e creato un calco delle "impronte” risultanti. 
Nell'idea di Lilley c'è la volontà di creare una "spina dorsale” di lavori visibili o distanza, anche sotto il profilo "poetico”. Non è un caso che come prima opere del percorso si sia scelto il pezzo Love del coreano Gimhongsok, che gioca con l'idea di storia occidentale, raccontata con lo sguardo dell'oriente.
Tra gli altri Elmgreen & Dragset, Oscar Murillo, Judy Chicago e Bernard Venet.
Il percorso contemporaneo, inoltre, si svolgerà accanto agli antichi Maestri, in un connubio tra il vecchio e il nuovo che Lilley ha così raccontato: «L'interesse per l’esposizione nel parco di Frieze Masters lo scorso anno è stato molto forte e di conseguenza abbiamo messo insieme antico e anche altre opere dalla metà del XX secolo. Mostrare il vecchio e il nuovo uno accanto all’altro è espressione di quello che gli artisti hanno sempre fatto. Un modo di pensare molto più naturale rispetto alla separazione imperante che vede vivere l’arte contemporanea in una bolla non pertinente alla realtà».


strumenti
invia la notizia ad un amico
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
inserisci un commento alla notizia

trovamostre