Dentro il paesaggio, ma con filosofia. Alla Fondazione La Raia si apre il dibattito, in oc... 3361 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
PAUSE DI ATTENZIONE
senti chi parla
READING ROOM
CURATORIAL PRACTISES
ALLONS ENFANT/13
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

Dentro il paesaggio, ma con filosofia. Alla Fondazione La Raia si apre il dibattito, in occasione dell'arrivo di tre opere permanenti di Remo Salvadori

   
   
 
pubblicato

Remo Salvadori, Continuo infinito presente, Photo Agostino Osio

Il dibattito filosofico: non più terreno spigoloso solo legato all'arte, ma anche al paesaggio. È un'occasione abbastanza insolita quella che metterà in scena la Fondazione La Raia di Novi Ligure, il prossimo sabato alle 11, con la presenza di Paolo D'Angelo e Adriana Veríssimo Serrão, che si interrogheranno sul tema "Il paesaggio dei filosofi e degli artisti”. Un appuntamento teorico, costruito nell'ambito del programma "Nel paesaggio”, che propone un incontro di riflessione critica con i due studiosi internazionali, -D'Angelo è ordinario di Estetica presso l’Università di Roma Tre, mentre Veríssimo Serrão insegna presso il Dipartimento di Filosofia dell'Università di Lisbona, dove dirige la rivista universitaria "Philosophica”- che guarderanno con un "altro” occhio la natura. Indagando anche quelle che sono alcune realtà internazionali in cui l'arte contemporanea si è fatta interprete di una nuova estetica del paesaggio. E qui viene in soccorso l'artista toscano Remo Salvadori, che alla Raia ha da poco installato tre opere che resteranno in permanenza, tra cui il Continuo Infinito Presente, il "concetto” infinito, in grado di trasformare la natura in esperienza estetica. Una giornata all'insegna di un nuovo ingresso nell'ambiente, dove oltre all'arte sembrano oggi arrivare anche le parole. Non solo, finalmente, di urbanisti, progettisti e nemmeno di critici.
Per info e prenotazioni: segreteria@fondazionelaraia.it; 02.4981475 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre