Lucca, nuova capitale della fotografia. Tre settimane di immagini, sul tema dell'urbe, ric... 3527 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Allons Enfant/6
Reading Room
CINEMA
Reading Room
Lettera Aperta
PREVIEW
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

Lucca, nuova capitale della fotografia. Tre settimane di immagini, sul tema dell'urbe, ricordando Gabriele Basilico

   
   
 
pubblicato lunedì 23 settembre 2013

Gabriele Basilico, Shanghai, 2010

Si chiama "Photolux” ed è l'ultimo festival che arriva in Italia a indagare la fotografia di ieri e oggi. Il palcoscenico è Lucca con il suo centro storico, e il tema, e forse non poteva essere altrimenti -in questa prima edizione che già si preannuncia particolarmente "calda”- sarà tutto dedicato alla città.
"Urbis – Visioni urbane dei grandi fotografi” è il titolo dato da questo progetto organizzato dall?'Associazione Culturale Photolux, con la direzione artistica di Enrico Stefanelli.
L'appuntamento è dal prossimo 23 novembre, con i palazzi storici della città pronti ad accogliere mostre, workshop e dibattiti.
E onorando la memoria delle immagini di quello che forse è stato il più grande fotografo del paesaggio urbano d'Italia -e non solo- Gabriele Basilico. 
«Città è un concetto ampio che in sé racchiude non solo la diversità e la complessità proprie di ogni singola città, ma anche quelle delle diverse città nel mondo, dalla piccola cittadina di provincia alla grande metropoli.
Proprio per questo è un luogo plurale, vario, stratificato, articolato su vari livelli che si intrecciano: storico, architettonico, sociale e umano». Su queste parole del direttore artistico si articolerà la rassegna, che vedrà in scena le mostre "The Places We Live” del giovane Jonas Bendiksen, al Real Collegio, e a raccontare le complessità dell'urbanizzazione raccolta nelle più grandi città del mondo, mentre a Palazzo Ducale sarà la volta di "Nightscapes” di Luca Campigotto.
Uno sguardo sulla Cina crescente e cresciuta arriva da "Sitting on the Wall: Haikou”, il progetto fotografico di Weng Fen, mentre per Maurizio Galimberti sarà la volta di "Parigi”: come sempre nella forma della pellicola istantanea, mosaici, le polaroid singole, i ready-made e le "impossible”.
Ritorno in scena, dopo qualche tempo, anche per Irene Kung e la sua bella "Città Invisibile”, dove la storia resta sospesa in monumenti che assumono toni metafisici. Di nuovo al Real Collegio le immagini di Joel Meyerowitz e a Villa Bottini Boris Mikahilov.
Spazio invece per gli Stati Uniti, nel progetto di Gergely Szatmári, che racconta di alcuni luoghi del New Jersey, e della difficoltà di vivere a poca distanza, eppur lontanissimi, dalla grande New York, che a Lucca è raccontata, deserta, da Christopher Thomas. Ma non è ancora finita, perché in scena saranno anche Lorenzo Tricoli, con un progetto sul quartiere Isola di Milano, Massimo Vitali, e Andrea Boccalini, a raccontare Corviale. Un nuovo incontro di sguardi, un nuovo punto di vista "altrove”, forse lontano da quelle realtà così raccontate dalle immagini contemporanee, e forse per questo palcoscenico d'eccezione per la messa in scena. Ai "big”, inoltre, si aggiungeranno anche i vincitori del Roberto Del Carlo Photolux Contest 2013, selezionati nella categoria Open e in PhotoVogue.


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre