Calabria, fascinazione per il contemporaneo. A Cosenza un nuovo appuntamento con “Art in p... 3142 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
BLOG
CACCIA IN RETE
PAUSE D’ATTENZIONE
SENTI CHI PARLA
IN MEMORIA DI
CURATORIAL PRACTISES
READING ROOM
Exibart.segnala
sondaggio
Quali sono i migliori direttori dei musei d'arte contemporanea italiani?
• Vicente Todoli (Hangar Bicocca, Milano)
• Fabio Cavallucci (Centro Pecci, Prato)
• Gianfranco Maraniello (MART, Rovereto e Trento)
• Andrea Viliani (Madre, Napoli)
• Lorenzo Giusti (MAN, Nuoro)
• Hou Hanru (MAXXI, Roma)
• Letizia Ragaglia (Museion, Bolzano)
• Federica Pirani (Macro, Roma)
• Ilaria Bonacossa (Villa Croce, Genova)
recensioni
rubriche
         
 

Calabria, fascinazione per il contemporaneo. A Cosenza un nuovo appuntamento con “Art in progress”, e la didattica di Alfredo Pirri e Joseph Albers

   
   
 
pubblicato

Alfredo Pirri, Passi, Biennale di Sarajevo 2013

Sarà il metodo didattico dell'architetto Joseph Albers a scandire la prima tappa della seconda edizione della rassegna cosentina "Art in Progress”, "Polimaterico”, che fino al 26 settembre alla Galleria Nazionale della città calabrese, a cura di Giuseppe Capparelli ed Esperia Piluso, metterà in scena un laboratorio dove, in base alle  tematiche che i soggetti diversamente abili svilupperanno, consentiranno di fare emergere le singole abilità di ciascuno dei partecipanti, ponendo l’attenzione sulle capacità di produrre e di creare indipendentemente dal proprio status psicofisico. Ma oltre al "pastore” Albers, e al Premio Pandosia, fino al 28 settembre, al Parco della Sila, vi sarà anche Alfredo Pirri, con un cantiere didattico che vede l’artista coinvolto in confronto diretto con gli studenti/artisti  selezionati. 
"Studi d’armonia. Ho grande voglia di rannicchiarmi. Nella sua ombra” questo il titolo del progetto, consisterà in un raffronto ravvicinato, dive verranno discussi collettivamente e singolarmente i progetti in corso e altri lavori si avvieranno.
Un laboratorio artistico a tutto tondo, come "possibilità” di vita che come modalità di approcciare una nuova dimensione sulla quale far collimare il proprio sé. Un incontro con due grandi autori distanti, e con la disciplina della bellezza.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre