Relazioni Reciproche/ Botto & Bruno 3193 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Senti chi parla/ Chiara Rapaccini – Rap
Reading Room
Allons Enfants/3
Senti chi parla
recensioni
rubriche
argomenti
classifiche
acuradi...
curator parade
antidoping
artist parade
cerca persone
notizie recenti

Relazioni Reciproche/ Botto & Bruno

Tre domande per sette coppie. Vi raccontiamo attraverso i suoi protagonisti la mostra “Relazioni Reciproche”, alla porta di Sant'Agostino di Bergamo. Interrogandoci soprattutto sull'essere “doppi” nell'arte. I primi rispondere sono Botto & Bruno
pubblicato giovedì 7 novembre 2013

Relazioni Reciproche: L'unione fa la forza e il confronto è costante, o ciascuno si prende i propri tempi e le singole personalità si incontrano al momento mettere nero su bianco un lavoro, ciascuno con le proprie idee? Quali sono le dinamiche della vostra creazione?
«Siamo abituati a confrontarci costantemente, ci piace che il progetto nasca poco alla volta, sinceramente non sappiamo bene neanche noi come tutto ciò avvenga ma non vogliamo psicanalizzarci troppo altrimenti rischiamo di rovinare il mistero del nostro creare insieme.
Possiamo solo dire che le difficoltà che abbiamo avuto prima di incontrarci ci hanno dato la consapevolezza che solo insieme saremmo riusciti ad ottenere qualcosa di buono e che le dinamiche creative si sarebbero fatte più interessanti per noi, semplificando di più le cose. E poi quando a uno dei due si scaricano le batterie l’altro ha in compito di ricaricarle».

Veduta dell’installazione di Relazioni Reciproche, Sala alla Porta S.Agostino, Bergamo, 2013 Botto&Bruno, This isn’t a Love song, (2005) - stampa su carta fotografica, 2 m x 2.50 m - Courtesy Galleria Alberto Peola - Torino Alis Filliol, Calco di due corpi in movimento nello spazio, (2010) - stampa su carta fotografica, 50 x 70 cm ciascuna, Courtesy l’artista Foto di Maria Zanchi

Cosa significa essere coppia nell'arte? Avete riscontrato delle difficoltà nella vostra carriera presentandovi in duo?
«Quando abbiamo iniziato nel mondo dell’arte gli artisti che lavoravano in coppia non erano molti.
Dunque la diffidenza iniziale l’abbiamo sentita.
La fatica maggiore la riscontravamo nel giustificare e spiegare le ragioni del nostro lavorare in coppia. Avevamo la sensazione che inconsciamente si sperasse di trovare nella collaborazione di due artisti un difetto, qualcosa che non funzionasse al fine di poter scrivere: hanno litigato, non vanno più d’accordo.
Ora le cose sono sicuramente cambiate ma crediamo che l’idea di lavorare in coppia non sia ancora interamente accettata, è il numero che non soddisfa: un "artista” va bene da tre componenti in su, ma il duo pochi credono veramente che possa funzionare».

Botto&Bruno Kids riot, 2006-2007, video dvd, 3'10

Che lavoro avete scelto di presentare alla Porta di Sant'Agostino, e perché?
«Presentiamo Kids riot un lavoro video per noi significativo, che abbiamo realizzato riprendendo tre fratelli rom che giocano su di una piazza in un momento di transizione della chiusura del mercato, quando diventa spazio di nessuno. I bambini iniziano a giocare con degli scatoloni abbandonati. Sembra un gioco violento ma in realtà fanno attenzione a non farsi male, è solo un atto liberatorio. Il secondo lavoro è una grande stampa in pvc che si intitola This isn’t a love song. Il titolo è tratto da una canzone dei Public image limited che racconta di un luogo che ha subito violenze in nome di una riqualificazione urbanistica mai avvenuta. Su uno sfondo un grattacielo incombe e la figura è ai bordi dell’immagine in una situazione di assoluta precarietà. Ci interessava mettere insieme questi due lavori in quanto in Kids riot è possibile vedere ancora la ribellione dell’infanzia che si riappropria del territorio mentre in This isn’t a love song la figura ormai adulta pare incapace di reagire ad un incerto presente.

speed-news
  Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Editoriale e Direttore Responsabile: Adriana Polveroni
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - f.pazzagli@exibart.com - adv@exibart.com - Fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com - Fax: 06/89280277