28 ottobre - 3 novembre 2013 - Folle di individui 3486 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
SENTI CHI PARLA
fotografia
PAUSE D’ATTENZIONE
READING ROOM
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
Thats contemporary
         
 

28 ottobre - 3 novembre 2013
Folle di individui

   
 La riflessione di Emma Ciceri sulle manifestazione e i manifestanti in mostra da Careof DOCVA
[di Caterina Failla]
  
 
pubblicato
Folle di individuiFolle di individui
Folle di individuiFolle di individui





Gaypride, manifestazioni politiche, adunate musicali, mayday, critical mass, folle da concerto, flash mob. L’unione fa la forza: assodato. Se si vuole fare qualcosa, meglio farla in due. Anche Warhol lo diceva (one’s company, two’s a crowd, three’s a party). Ma dove finisce il singolo individuo nel vortice della folla (oltre a subire quelle ripercussioni fisiche causate dai soliti sballottamenti da manifestazione)? La riflessione ce la porta Emma Ciceri che affronta il ragionamento abbandonando l’ottica di omologazione solitamente associata alla massa e sottolineando, al contrario, la complessa pluralità che esiste all’interno della folla. Ma dove si coglie il limite tra l’unicità e l’uniformità? Dove finisce il comportamento dell’uno e inizia la forgiatura dello stesso da parte della massa? Con il suo ultimo progetto Madre di monumenti, l’attenzione viene posta anche sul rapporto attualità-storia, sulla staticità del monumento contrapposta alla plasmabilità della folla. A Emma Ciceri il contesto non interessa, e infatti lo cancella. Sottolinea solo la folla e il suo ruotare e plasmarsi intorno ai monumenti storici, evidenziando come spesso la relazione cambia, trasformando la folla in monumento vivente in grado di ridefinire lo spazio e la sua percezione. L’energia, la velocità, il movimento, la potenza e l’impeto della manifestazione rimangono ancora latenti, potenziali, all’interno dell’immagine. Una riflessione e un lavoro stimolanti che sembrano non la fine di una riflessione ma l’inizio verso altri e nuovi possibili progetti.

Fotografie di Caterina Failla

--------
that’s contemporary mappa l’arte contemporanea a Milano dal 2011.
that’s contemporary è un progetto curatoriale in forma di agenzia di produzione.
that’s contemporary commissiona, produce e cura progetti a metà strada tra la pratica artistica e un uso creativo delle tecnologie e dei meccanismi della comunicazione.


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre