Relazioni Reciproche / Ferrario Frères 3140 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Allons Enfant/6
Reading Room
CINEMA
Reading Room
Lettera Aperta
PREVIEW
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

Relazioni Reciproche / Ferrario Frères

   
 Relazioni Reciproche / Ferrario Frères
Un sodalizio artistico resiste finché la moneta lanciata resta in aria. Con questa metafora passiamo alla terza intervista dedicata alle coppie della mostra bergamasca “Relazioni Reciproche”, alla Porta di Sant'Agostino. Stavolta ad essere “radiografati” sono il duo Ferrario Frères
  
 
pubblicato mercoledì 20 novembre 2013

Relazioni Reciproche: L'unione fa la forza e il confronto è costante, o ciascuno si prende i propri tempi e le singole personalità si incontrano al momento mettere nero su bianco un lavoro, ciascuno con le proprie idee? Quali sono le dinamiche della vostra creazione?
«Si procede per continui riallineamenti. È un riadattarsi costante da parte di un  sistema (i creatori) ad un nuovo equilibrio che la creazione di un’opera, vista come processo, sposterà inevitabilmente. È chiaro che essendo il creatore duale, la condizione d’equilibrio verrà recuperata nel confronto e nella continua ridefinizione delle posizioni reciproche».

Ferrario Frères Gemini, 2013 Installazione di due stampe digitali a colori incorniciate in legno/vetro, una proiezione video e una clessidra Misure ambientali Courtesy gli artisti

Cosa significa essere coppia nell'arte? Avete riscontrato delle difficoltà nella vostra carriera presentandovi in duo?
«Si deve pensare ad una moneta in rotazione che finirà col cadere nel palmo del lanciatore. La visibilità delle due facce dipende sempre da condizioni esterne alla coppia: facilità di lettura delle personalità, ombra in cui finisce più spesso una faccia rispetto all’altra e così via. Un eccesso di questa metafora potrebbe essere la visione della Luna dalla Terra. In ogni caso l’impatto sul palmo della mano coinciderà con la fine del sodalizio».
Che lavoro avete scelto di presentare alla Porta di Sant'Agostino, e perché?
«Il titolo del lavoro è Gemini. È dedicato agli esseri duali visti come accumulo di esistenza conseguito per somma di piccoli apporti di vissuto provenienti da due diverse individualità».  



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre