Quando si scoprono gli Archivi. Dalla Biennale a Documenta, a Venezia si studia l'organizz... 3213 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
CURATORIAL PRACTISES
ALLONS ENFANT/9
la lavagna
I GALLERISTI SI RACCONTANO
READING ROOM
B.Side/2 Antonio Ottamanelli
Exibart.segnala
sondaggio
Secondo voi, la liberalizzazione dei 20 musei di importanza strategica individuati dalla riforma Franceschini:
• I musei diventeranno più forti dopo il loro ingresso sul “mercato”
• è una buona scelta
• Il magro budget o l'instabilità politica di queste istituzioni saranno un freno
• Arriveranno direttori stranieri
recensioni
rubriche
         
 

Quando si scoprono gli Archivi. Dalla Biennale a Documenta, a Venezia si studia l'organizzazione della memoria

   
   
 
pubblicato martedì 12 novembre 2013

Punta della Dogana

Per gli appassionanti che amano aprire cassetti e conservare qualunque cosa capiti a tiro è l'occasione ideale. Se poi ci mettete che a prender parte a due giorni di convegno, al Teatro Piccolo dell'Arsenale, sarà il gotha dell'arte contemporanea italiana e non, allora il gioco è fatto. Si apre il prossimo venerdì, 15 novembre, il secondo appuntamento internazionale "Archivi e Mostre”, presentato da Paolo Baratta, Presidente della Biennale, che insieme a Massimiliano Gioni e alla neo Assessore alla Cultura del Comune di Venezia Angela Vettese, racconteranno come la 55esima Biennale si è servita proprio dell'uso dell'archivistica, e per l'occasione alla tavola rotonda arriveranno anche due grandi artisti che hanno raccolto dati in tutto il corso della loro carriera, Gianfranco Baruchello e Matt Mullican. Oltre ai temi "Organizzare la memoria”, e "Esperienze e riflessioni sul grande potenziale degli Archivi in Italia”, sabato pomeriggio saranno in scena anche Daniela Lancioni e Luca Massimo Barbero, rispettivamente Curatrice Senior del romano Palazzo delle Esposizioni e neo Direttore dell'Istituto di Storia dell'arte della Fondazione Cini, a raccontare l'idendità del "Documento d'Archivio nell'arte contemporanea”. Insieme ai due italiani anche Okwui Enwezor, Direttore della Haus der Kunst di Monaco e Michelle Elligott, Direttrice degli Archivi del MoMA di New York, oltre ad Assunta Porciani, Responsabile dell’Archivio e Biblioteca della Fondazione la Quadriennale di Roma. Un modo, insomma, per mettere le mani nelle tasche di quelle istituzioni che hanno un immenso tesoro di conoscenza che spesso resta sepolto, lontano dallo sguardo ma che ne fa una indispensabile memoria. E della memoria di un'altra delle manifestazioni più importanti del mondo, Documenta, si parlerà al Teatrino di Palazzo Grassi, negli stessi giorni: per il ciclo "Archives” giovedì sarà la volta di "Documenta 4 (1968)”, un'ora di documentario girato da Jef Cornelis per la collana Archives, edita da Yves Aupetitallot, rappresentanti una rara testimonianza audiovisiva sulla storia delle mostre e un prezioso strumento per la ricerca curatoriale di oggi, a cui si assocerà "Documenta 5 (1972)” il prossimo 6 dicembre. Come diceva un vecchio spot, ricordati di ricordare. Perché l'arte, contrariamente all'uomo, non dimentica.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre