Arrivano i mostri! “Body Worlds”, la mostra-caso dei cadaveri plastinati arriva a Bologna,... 3130 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Allons Enfant/6
Reading Room
CINEMA
Reading Room
Lettera Aperta
PREVIEW
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

Arrivano i mostri! “Body Worlds”, la mostra-caso dei cadaveri plastinati arriva a Bologna, inaugurando i nuovi spazi dell'ex Galleria d'Arte Moderna

   
   
 
pubblicato giovedì 14 novembre 2013

Body Worlds, Bologna
 
Mostre così a Bologna non se ne vedono da alcuni anni. E, sotto certi punti di vista, va bene così. Perché la mostra di cui vi stiamo parlando fa parte di quelle grandi esposizioni il cui richiamo mediatico fa eco già prima di vederle allestite, e se ne scrive e se ne parla a tutti i livelli anche nei mesi di attesa.
A Bologna di "Body Worlds” di Gunther Von Hagens ne discutono da tempo la Curia, il Comune e l’Università, nonché i cittadini, con accanite prese di posizione. Naturalmente il contenuto dell’esposizione apre a ovvie controversie: si tratta infatti di corpi umani morti e plastinati con il metodo brevettato dal medico "artista” Von Hagens circa quaranta anni fa, consegnati alla storia dell’umanità in un allestimento tipicamente museale.
Ed è così che una mostra esprime tutta la sua dirompenza, diventando un evento socio-culturale, occasione di profonda riflessione sull’evoluzione della scienza medica e dell’arte contemporanea. Bologna, scelta per le sue caratteristiche morfologiche che la connotano da sempre come crocevia di strade e di saperi differenti, propone già da secoli diverse importanti collezioni di pezzi al confine tra la rilevanza storico-artistica e l’evidenza didattica nei musei dell’Ateneo, a molti sconosciuti.  
Nel caso di "Body Worlds” si discute del limite che l’arte e la scienza toccano sensibilmente esibendo "il vero mondo del corpo umano”. Ma l’arte e la scienza proprio in questo caso hanno già superato il sensibile limite etico di cui si parla, in quanto la raccolta di Gunther von Hagens è stata già esposta con diversi allestimenti in altre ottanta città del mondo - tra cui Milano, Napoli e soprattutto Roma, capitale del cattolicesimo - raccogliendo moltissimo pubblico. 
Resta da scegliere se condividere o meno la direzione in cui sta andando l’uomo, quando ancora vivo e pensante, e attendere l’arrivo in città della mostra più famosa e discussa a Bologna nel 2013. 
Prodotta da Arts & Sciences Italy, la mostra è nei locali che fino al 2008 ospitavano la collezione della Galleria d’Arte Moderna di Bologna nel quartiere Fiera.
Peccato che per la riconsegna degli spazi riammodernati si sia scelta la peggiore mostra itinerante degli ultimi anni, capace però -purtroppo- di mettere d'accordo grandi e piccini, sotto la luce di un falso mito illuministico. 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre