Fino al 21.IX.2014 - Le Mur. La collection Antoine de Galbert - La Maison Rouge, Parigi 3129 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 21.IX.2014
Le Mur. La collection Antoine de Galbert
La Maison Rouge, Parigi

   
 Dieci anni di Maison Rouge. Celebrati con una selezione delle opere dalla collezione di Antoine de Galbert, fondatore del tesoro parigino. Una mostra rara e impossibile da ripetere  chiara ianeselli 
 
pubblicato
Chi entrerà al numero 10 di Boulevard de la Bastille troverà una parete infinita che corre per oltre duecento metri, salendo e scendendo in una complessa, ma diretta articolazione espositiva. Siamo a "Le Mur”, una mostra che presenta centinaia e centinaia di lavori, solo parte della più ampia collezione di Antoine de Galbert. Affinché ciascuna occupasse uno spazio è stato utilizzato un software per distribuire i lavori su una superficie, basandosi unicamente sulle dimensioni ed il numero di inventario all’interno della collezione. Unico criterio? Escludere i video e l’arte antica.
Alla Maison si è davvero distratti dall’ossessione del collezionista per il volto, la visione, l’insistenza per l’antropologia e le forme tribali, la deformità e la natura animale e non ci si domanda chi sia il regista di questa pellicola morbosa. Una mostra di un’intelligenza smisurata, che affida all’osservatore la discussione sul ruolo del curatore nel sistema arte, creatore oggi più degli stessi artisti ed invece insolitamente annullato in "Le Mur”, proprio perché assente. 

Le Mur, La Maison Rouge, vista della mostra

Nessuna gerarchia ad imporsi nella visione: al visitatore si dà spazio per un percorso autonomo, dove non si determinano visioni preferenziali. David Lynch, presente con alcuni pezzi, apprezzerà sicuramente questo spazio libero, lo stesso che lascia per interpretare le sue creazioni cinematografiche. Così, all’inaugurazione, si sentono i visitatori proporre una loro personalissima chiave, costruita sulle ossessioni di Galbert, perchè di questo si deve parlare. Diviene così legittimo notare certi nomi, anche in base al proprio percorso personale di ricerca nelle sale parigine. Ed ecco che spiccano, tra gli altri Michael Borremans, Christian Boltanski, Boris Mikhailov, Michel Nedjar, Roman Opalka, Miroslav Tichy, Jean Rustin. Anche alcuni italiani tra cui Claudio Abate, Paola Pivi, Flavio Favelli e Christian Fogarolli, quest’ultimo davvero a pieno titolo nel mondo di Galbert.
In mostra c’è anche molta storia della Maison e del percorso personale di Galbert, che, scherzando nel catalogo, confessa di aver creato questa mostra per potersi rivedere meglio, quasi fosse un grande specchio: ‹‹La maison rouge non è la creazione di uno storico, bensì una pura intuizione››.
E chi visita la mostra se ne va con la stessa collezione: ‹‹un’agenda mentale , un inventario dimenticato di alcune dozzine di nomi di artisti di cui vorrei possedere una faccia››.
Il catalogo, pregevole come tutte le edizioni della Maison, contiene il muro stesso, con miniature delle opere esposte, il testo citato di Galbert ed una sua conversazione con Anaël Pigeat nonché un saggio di Sophie Delpeux relativo all’allestimento delle opere come veicolo di determinate letture. E non si può mancare, a settembre, quando sarà presentato un video, per mostrare i retroscena della mostra.

Chiara Ianeselli
mostra visitata il 13 giugno 

dal 14 giugno al 21 settembre 2014
Le mur
La maison rouge
Fondation Antoine de Galbert, 
10 bd de la bastille - 75 012 Parigi
Orari: dal mercoledì al sabato dalle 11 alle 7. Giovedì aperto fino alle 9

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di chiara ianeselli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram