Site specific per i colli piacentini. Territorio e arte ancora uniti insieme, per trentaci... 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Site specific per i colli piacentini. Territorio e arte ancora uniti insieme, per trentacinque chilometri, nella prima edizione di C.Ar.D.

   
   
 
pubblicato

Alice Cattaneo - Untitled - 2011 - reti di metallo, poliplat, scotch, fascette di plastica - cm 28x37x23 - courtesy Galleria Suzy Shammah, Milano

Chi conosce un poco il territorio delle colline piacentine sa che si tratta di uno dei paesaggi più belli d’Italia, dalle innumerevoli risorse non solo naturali e non solo costellato di gastronomia d’eccellenza, ma anche di splendidi borghi, castelli, piccole spiagge in riva ai numerosi torrenti. 
E, da questo week end, anche di arte contemporanea.
Si, perché da venerdì al prossimo 12 ottobre, da queste parti si apre la prima edizione di "C.Ar.D.- Contemporary Art and Design – Percorsi d’arte nelle colline piacentine”, dove la natura e gli edifici storici, agricoli e industriali si integreranno ed interagiranno con opere d’arte e di design decisamente attuali, esaltandone le qualità espressive e portando con questa convivenza una vitalità nuova e inaspettata dei progetti.
Venti artisti internazionali, appartenenti a diverse discipline, si sono cimentati molto spesso in loco – con progetti site specific – sotto l’organizzazione e la curatela di Paolo e Cristina Baldacci, dell’architetto Daniela Volpi, di Andrea Kerbaker, Giulia Pellegrino e Franco Raggi, in quella che è nata come una manifestazione spontanea dove gli spazi sono stati concessi dagli stessi abitanti dei luoghi, da imprenditori e operatori locali. 
Il risultato saranno 35 chilometri di percorso, in quattro centro differenti: Pianello Val Tidone, Agazzano, Piozzano e Gazzola, con  qualcosa come 19 mostre differenti in 11 luoghi, eventi, conferenze, incontri e proiezioni.
Le valli, insomma, si svegliano. E stavolta non sarà grazie a turisti o abitanti in fuga dalle grandi città del nord in cerca di buon cibo e un po’ di silenzio, ma anche per le opere di artisti come Paola Anziché, Alice Cattaneo, Formafantasma, Duilio Forte, Denis Santachiara, Jessica Stockholder (solo per citare alcuni dei presenti tra il greto del Tidone o del Municipio a Pianello), oppure Ron Gilad e Donna Moylan ad Agazzano, passando per Ezra Johnson e Fabienne Lasserre nel piccolo centro di Piozzano o a Gazzola con David A. Flinn e James Hyde.
Noi, specialmente se non siete mai stati da queste parti, un tour ve lo consigliamo: www.cardcard.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram