Lo stato che galleggia sugli oceani al Palazzo di Vetro dell’ONU a New York. Maria Cristin... 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Lo stato che galleggia sugli oceani al Palazzo di Vetro dell’ONU a New York. Maria Cristina Finucci continua il suo “Garbage Patch State” tour

   
   
 
pubblicato

The Garbage Patch State all'interno dello IED, Madrid

Ha passato la Biennale di Venezia, dove era installato a Cà Foscari, l’Unesco di Parigi, il MAXXI, la Gran Via di Madrid durante Arco e ora sbarca a New York, nella sede dell’istituzione forse più famosa del mondo: l’ONU.
Il Garbage Patch State di Maria Cristina Finucci da questo giovedì sarà nella lobby del Palazzo di Vetro, per raccontare i 16 milioni di chilometri quadrati che galleggiano poco sotto la superficie dell’acqua nel Pacifico e nell’Oceano indiano. L’ingresso all’ONU è, in fondo, quasi il passaggio naturale per un’intervento che mira a smuovere le coscienze intorno a un disastro che tutti abbiamo contribuito a creare, e nel luogo simbolo della volontà  di pace di tutti i popoli della Terra dove si dibattono e condividono anche le politiche e le strategie internazionali per la tutela dell’ambiente e l’uso sostenibile delle limitate risorse naturali del nostro Pianeta sarà ancora più forte il messaggio lanciato dal Garbage Patch State
«Il mio scopo è quello di associare un’immagine concreta e tangibile al grave fenomeno ambientale causato dalla plastica dispersa negli oceani , problema purtroppo fino ad oggi negletto proprio a causa della mancanza di una sua identificazione iconica. Per realizzare l’ immagine del  Garbage Patch State ho costruito un apparato semantico verosimile come, tra le molte cose, la realizzazione della sua bandiera, di una anagrafe, una sua mitologia, un portale web ecc. non trascurando di inserire anche elementi semplici come per esempio le cartoline postali. Una finzione dunque, strutturata però per svelare una verità che altrimenti sarebbe rimasta celata», spiega l’artista, che ha avuto non poche problematiche relative alla nuova installazione, compreso il dover essere ignifugo ogni materiale utilizzato. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram