Un museo diffuso e “A cielo aperto” a Latronico. Domani è il turno di Francesco Bertelé, c... 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Judy Chicago e Max Mara insieme, per una t-shirt a edizione limitata
10/12/2018
Babbo Natale in manette e Banksy non autorizzato. Due murales di TvBoy compaiono al MUDEC
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Un museo diffuso e “A cielo aperto” a Latronico. Domani è il turno di Francesco Bertelé, con il progetto “Centocapre”

   
   
 
Un museo diffuso e “A cielo aperto” a Latronico. Domani è il turno di Francesco Bertelé, con il progetto “Centocapre”
pubblicato

Il progetto Centocapre non è stato una passeggiata verrebbe da dire, ma un lavoro durato un anno intero che ha preso corpo anche durante la scorsa estate, con un workshop dove l’artista Francesco Bertelé insieme a Madely Schott e Giuseppe Giacoia e i piccoli delle scuole di Latronico, in provincia di Potenza, hanno interpretano una serie di mitologie che vedono gli uomini mischiati agli animali. 
Domani il momento finale, con una mostra, una piéce teatrale, una grande sfilata con i costumi realizzati dagli alunni delle scuole del comprensorio e ovviamente con la presentazione dell'opera che Bertelé lascerà in permanenza nel borgo antico di Latronico.
Promossa dall’associazione Vincenzo De Luca, nell’ambito dell’iniziativa "A Cielo Aperto”, curata da Biancovalente e Pasquale Campanella, il progetto è stato realizzato senza alcun fondo pubblico ma solamente con l'autotassazione dei soci dell’associazione, che vogliono che i giovani e non della zona continuino ad essere stimolati da un confronto attivo con l'arte e gli artisti contemporanei.
Iniziato a dicembre 2013, in seguito al ritrovamento di un reperto storico, scovato in un vecchio baule di una casa privata, Centocapre è la mise-en-scene di una storia perduta, confrontando gli elementi recuperati e i frammenti attraverso l’etnologia, senza perdere di vista l'obiettivo finale: continuare a creare a Latronico un museo di arte contemporanea all'aperto, che ogni anno si espanda con una nuova opera permanente. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram