Fino al 5.V.2015 - Iconic Geography - Anteprima D’Arte Contemporanea, Roma 3101 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Judy Chicago e Max Mara insieme, per una t-shirt a edizione limitata
10/12/2018
Babbo Natale in manette e Banksy non autorizzato. Due murales di TvBoy compaiono al MUDEC
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 5.V.2015
Iconic Geography
Anteprima D’Arte Contemporanea, Roma

   
  Fabrizio Orsini 
 
Fino al 5.V.2015 - Iconic Geography - Anteprima D’Arte Contemporanea, Roma
pubblicato

La mostra "Iconic Geography” – curata da Camilla Boemio – negli spazi della galleria romana Anteprima D’Arte Contemporanea presenta le serie realizzate negli ultimi dieci anni dai fotografi Andreana Scanderbeg e Alexander Sauer, abili narratori delle tecnologie di controllo.
Le foto scelte sintetizzano le varie serie realizzate raccontando di paesaggi industriali, delle febbrili rotte del mondo degli affari e delle merci, nelle quali le tappe nelle metropoli sono intervallate da quelle in luoghi periferici e dai deserti: da Chavalon a Collombey in Svizzera, a Busan in Corea, a Cleethorpes in Inghilterra, a Dubai, fino a MHV Mojave Airport in California dove le carcasse degli aerei vengono collocate e successivamente smontate da tutte le parti ancora utili per essere rivendute.
La serie Decommissioned è profondamente diversa, non solo perché a differenza delle altre non è stata commissionata; ma perché racconta di una mancanza di funzionalità del soggetto della serie.
Le immagini, seppur particolarmente seducenti, a prima vista non mostrano l' attuale natura degli aerei.  Un secondo sguardo ne rivela dettagli significativi: gli strumenti, le apparecchiature di navigazione e i motori sono mancanti; alcune di queste enormi strutture metalliche non hanno più i carrelli e si appoggiano su tavole di legno, molti ricordano le scatole di sardine aperte. Sono aerei che, nell'ultima fase della loro vita, sono diventati prezioso materiale per i magazzini di ricambi.
Una delle immagini che lascia senza fiato è Cleethorpes, un artificiale montagna di detriti come bauxite, pirite ed altre sostanze altamente tossiche in un sito industriale in Inghilterra. 
L' eleganza e l' impatto con la quale viene presentata, ci fa dimenticare il contesto nel quale si sviluppa; ci racconta di un’estetica del mondo del lavoro nel quale siti impervi e lavori difficili acquistano nobiltà e fascino.
Se fino a qualche decennio fa, le fotografie che raccontavano il mondo del lavoro erano un appannaggio degli archivi aziendali, oggi sono diventate di ricerca e hanno una nuova forma di collezionismo.
Dall'imbarazzo nel rivelare cosa accadesse in alcuni contesti lavorativi, oggi si vuole riscoprire un mondo che è stato in Italia il motore dell'economia, che fino ai primi anni Ottanta ha trasformato la costa Adriatica nel volano del settore chimico-petrolifero.
Immediato è il rimando al capolavoro di Antonioni Deserto Rosso nel quale lo smarrimento esistenziale dialogava con il fascino della tecnologia e dell' innovazione, presentandoci un scenario preciso popolato da strutture industriali, trasporti via mare e uno spiazzante silenzio intervallato dal rumore sordo di un enorme apparato industriale che diramava la sua presenza nella bassa pianura Padana.

Fabrizio Orsini
mostra visitata il 3 marzo

Dal 25 febbraio al 5 maggio 2015
Iconic Geography
Anteprima D’ Arte Contemporanea
Piazza Mazzini 27 – Roma 
Orari: dal martedì al venerdì 15,30/19,00 
Info:  + 39 06 37500282
http://www.anteprimadartecontemporanea.it/index.php?lang=it 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Fabrizio Orsini
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram