Milano Design Week/Un “finissage” per un oggetto personale molto particolare: ecco il nuov... 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Milano Design Week/Un “finissage” per un oggetto personale molto particolare: ecco il nuovo poetico progetto di Roberto Ago

   
   
 
Milano Design Week/Un “finissage” per un oggetto personale molto particolare: ecco il nuovo poetico progetto di Roberto Ago
pubblicato

Ha inaugurato ieri sera, e si andrà avanti fino alle 22 di oggi. Non avete tempo da perdere se volete partecipare al "Finissage” di Roberto Ago, sicuramente quella che – alla fine di questa settimana di Design – risulterà l'installazione più bella e struggente tra quelle visitate. Con la capacità di essere fashion e allo stesso tempo riflessiva.
La location è in via Lanzone 23, sede di IDEA4MI di Paola Maria Gianotti, project space che ospiterà eventi d’arte, design, moda, letteratura, musica, eno-gastronomia etc. Potete scegliere di presentarvi a mani vuote, oppure (scelta consigliata) di portare con voi un vostro paio di scarpe usate, che siete decisi a smettere e a non rivolere indietro. Quelle scarpe che stanno nel vostro armadio e che non avete ancora trovato il coraggio di buttare in galleria verranno vestite, dopo aver accompagnato i passi della vita, di un po' di terra e fili d'erba, riempiendo via via lo spazio di presenze che secondo l'artista condensano l'ossimoro di "stabilità mobile” e "mobilità stabile”, vale a dire della vita stessa. 
Si tratta di prendere congedo da un oggetto d’affezione, intimo, di "sotterrarlo” sotto natura, di dare la parola "fine" a quegli ectoplasmi che ci hanno supportato nel cammino. Una metafora non indifferente, per un progetto che – anche visivamente – lascia spazio all'inquietudine dell'abbandono e al pensiero della temporalità della vita. Che fine faranno le calzature? Una fin di bene: saranno donate alla Caritas milanese. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram