Videocontaminazioni al Castello di Rivoli. Una rassegna per scoprire il rapporto tra immag... 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Videocontaminazioni al Castello di Rivoli. Una rassegna per scoprire il rapporto tra immagini in movimento e nuovi media

   
   
 
Videocontaminazioni al Castello di Rivoli. Una rassegna per scoprire il rapporto tra immagini in movimento e nuovi media
pubblicato

Inaugura domani al Castello di Rivoli "Videocontaminazioni. Fiction/Reality”, a cura di Massimo Melotti. La manifestazione, che si terrà fino al 2 agosto, prende avvio con un convegno incentrato sul rapporto tra video e nuovi media, ormai entrati prepotentemente nella nostra quotidianità. La contaminazione tra reale e immaginario si fa sempre maggiore e gli artisti esplorano nuovi territori in cui coniugare diverse modalità espressive. La videorassegna presenterà i lavori di artisti che hanno fatto della contaminazione uno stile: il padre della net.art Vuk Ćosi; Massimiliano e Gianluca De Serio divisi tra arti visive e cinema; Coniglioviola con il lavoro sulla realtà aumentata; e infine Diego Scroppo con i video dalla cultura rave e pop.
Dalle 10, domani, alla Sala Polivalente – Manica Lunga del Castello si terrà l'incontro con con Vuk Ćosi, Giulio Lughi e Alessandra Russo Suppini, autori del volume Creatività Digitale. Saranno inoltre presenti gli artisti Coniglioviola, che presenterà un video sulla realizzazione di Le notti di Tino di Bagdad e una selezione di video tratti dall’antologia Recuperate le Vostre Radici Quadrate. Gianluca e Massimiliano De Serio racconteranno invece dei video che li hanno resi famosi diventando installazioni esposte in rassegne internazionali; e Diego Scroppo sull'indagine del fenomeno pop con un video su una band di psychedelic jazz. Per amanti del genere, e non solo. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram