Fino al 10.XII.2015 - Amy O’Neill, Dura Mater - Pinksummer, Genova 3098 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 10.XII.2015
Amy O’Neill, Dura Mater
Pinksummer, Genova

   
  Alessandro Ferraro 
 
Fino al 10.XII.2015 - Amy O’Neill, Dura Mater - Pinksummer, Genova
pubblicato

È da molti anni che Amy O’Neill (1971, Beaver, Pennsylvania) fa degli Stati Uniti una questione intima e affettiva, nonostante siano la più grande potenza mondiale. Sembra impossibile dissociare gli Stati Uniti dalla politica imperialista cui inneggiano – soprattutto sul piano culturale - ma tant’è qualcuno ci riesce. E lo fa in punta di piedi, non scomodando il neoliberismo o la società consumistica. Già abituata agli spazi della galleria Pinksummer, Amy O’ Neill realizza una mostra capace di descrivere l’America, e il sogno americano, in maniera pacata e raccolta sfruttando gli elementi tipici del grande racconto americano. Certo, poco importa se quest’ultimo è ormai sbiadito e arrugginito come i trucks della Rusty Belt - che lei stessa ha guidato; in esso permane un sostrato vitale e pulsante capace di generare magicamente nuove narrazioni.  
La mostra si intitola "Dura Mater”, un’allegoria tramite cui O’Neill individua il rapporto tra terra d’origine e rapporti familiari. "Dura Mater”, perché il sottile velo di rivestimento che il termine indica esiste sia per proteggere il cervello dagli agenti esterni sia per inglobare pia madre e aracnoide; Amy O’Neill  riflette sul legame storico-biologico tra i propri genitori e gli Stati Uniti attraverso allusioni intuitive (ne è un esempio il titolo della mostra). 
In Metered mail ha incorniciato all’interno di specchiere alcuni disegni raffiguranti francobolli americani e momenti che i suoi genitori hanno vissuto sulla propria pelle (Vietnam, seconda guerra mondiale); la serie dei Victory gardens si riferisce ai sacchi di semi che gli americani consegnavano ai contadini al termine della seconda guerra mondiale affinché "rinascesse qualcosa” dai terreni incolti e minati; grandi parafanghi dipinti pendono dalle pareti come bandiere nazionali; sul pavimento, una grande bandiera americana realizzata con la juta gioca con l’immaginario nazionalista statunitense. Intento di O’Neill è restituire il proprio immaginario affettivo attraverso un apparato didascalico e intuitivo, giocato in parte anche sullo spiazzamento: i parafanghi dei copertoni appesi alludono sia al mezzo di trasporto americano per eccellenza sia al paesaggio americano come elemento geopolitico. Gli ambienti della galleria si popolano di oggetti frutto di un prelievo dalla sedimentazione affettiva dell’artista; oggetti la cui ridistribuzione costituisce la rielaborazione qui operata - non a caso, lei stessa nelle interviste parla di Smithson, Adrian Piper e di entropia, artisti e concetti che dialogano con lo spazio nella sua dimensione fisica e percettiva. Memoria, spazio e biologia risultano così intrecciate: veicolano un discorso riguardo all’eredità del passato che si attua in un presente ingombro di specchiere, parafanghi, sacchi di juta e francobolli.

Alessandro Ferraro
mostra visitata il 20 ottobre 

Dal 09 ottobre al 10 dicembre 2015
Amy O’Neill, Dura Mater,
Pinksummer contemporary art
Palazzo Ducale – Cortile Maggiore 28r
Piazza Matteotti 9 - 16123 Genova
Orari: da martedì a sabato, ore 15.00 / 19.30
Info: tel. +39 0102543762; info@pinksummer.itwww.pinksummer.com
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alessandro Ferraro
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram