Bologna/In città. “Minipimer”, ovvero il centrifugato di arte contemporanea che coinvolge ... 3121 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
BLOG
A Teatro
READING ROOM
SOCIAL ART
MARGINALIA #17
Exibart.segnala
recensioni
rubriche
         
 

Bologna/In città. “Minipimer”, ovvero il centrifugato di arte contemporanea che coinvolge lo spazio di Localedue

   
   
 
pubblicato

In via Azzo Gardino, accanto alla Cineteca e alle Gallerie + e P420, durante questa edizione di Arte Fiera si è portato in scena un esperimento ai limiti del possibile: 72 ore no stop di arte, negli spazi di Localedue.
Ecco Minipimer, Un evento performativo che prova i limiti di spazio e tempo proponendo un susseguirsi di mostre, happening e azioni svoltosi a partire dalle 21 di giovedì 28 gennaio fino a stanotte. 
Il progetto ha proposto interventi di 72 fra artisti visivi, curatori, videomaker e performer tra cui Natalia Trejbalova, Matteo Nobile, Colora (Rachele Burgato e Lorenzo Commisso), Dario Giovanni Alì, Costanza Candeloro, Barbara Baroncini, Irene Fenara, Simona Paladino, Davide Trabucco, Giulio Saverio Rossi, Vadim Zakharov, Alessandra Franetovich, Maurizio Mercuri, Guido Molinari, Gianluca Codeghini, Silvia Hell, Diego Zuelli, Cuoghi Corsello, Bianco - Valente, Giuseppe De Mattia, Antonio Grulli, Federico Carpani, Indra Kumar Jha, Marco Casella, Moe Yoshida, Max Melis, Filippo Marzocchi, Fabio Farnè (ideatore di Localedue), The Real Job e Carolina Gestri. Si alternano così linguaggi e pubblici dando vita a situazioni sempre nuove e  indefinite, scandite solo dal ciclo circadiano. Una sequenza di avvenimenti accompagnata da luce e buio, suoni e silenzi, una concatenazione di momenti che segue il ritmo biologico della vita e dell’arte. (Ilaria Tamburro)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram