Torte bianche al Campo Rom di Scampia 3126 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Torte bianche al Campo Rom di Scampia

   
  mario francesco simeone 
 
Torte bianche al Campo Rom di Scampia
pubblicato

Il furgoncino Mercedes procede lentamente nel solco lasciato libero dai sacchi di immondizia, che si diffondono su tutta la carreggiata come correnti marine di colori diversi. Ogni tanto spunta qualche carcassa bruciata di un’automobile, relitti dalla storia immobile, incagliati su un fondale d’asfalto. Sulla balaustra di un cavalcavia c’è scritto, in azzurri caratteri fumettistici, "è permesso!?”. Luca muove il volante con sicurezza, si gira continuamente sul sedile per guardarci, mentre racconta il motivo per cui ci ha chiesto di accompagnarlo al campo Rom di Scampia. Una ricchissima fondazione statunitense, gestita da un imprenditore ungherese, vuole avviare un progetto di riqualificazione del campo. È un investimento economicamente importante, che coinvolgerà la Comunità Europea e vari altri soggetti e la fondazione vuole vederci chiaro, per questo ha deciso di inviare una delegazione a Napoli. Luca è un architetto e ha dedicato gran parte della sua vita al lavoro con le popolazioni romaní, di cui conosce le storie, le culture, gli spostamenti, le paure, le leggende e le aspirazioni. Stiamo andando al campo perché vuole assicurarsi che tutti sappiano di questa visita imminente, così da poter discutere delle necessità e delle criticità con la dovuta preparazione.

Le case si innestano tra i massicci piloni della tangenziale, buona parte di esse è totalmente coperta dalla strada sopraelevata. Le automobili vanno veloci e se ne sente solo il rumore che si espande verso l’alto, come se volassero in un racconto vintage di fantascienza. Ci accostiamo alla prima abitazione che incontriamo. Il rivestimento è composto da pannelli rosa di diverse dimensioni, saldamente attaccati l’uno all’altro. Luca ferma il furgone e dice a Flaviano, seduto al suo fianco, di scendere, bussare alla porta e chiedere di Argentina. Aspettiamo all’esterno e, dopo poco, Argentina arriva, imponente e con i capelli tirati all’indietro. Indossa guanti trasparenti, sta facendo l’henné alle sue amiche e guarda con complicità Vittoria che, seduta dietro, affianco a me, tenta di ricambiare. Il furgone prosegue sobbalzando vertiginosamente sul fondo irregolare ed entriamo in questa fitta foresta di piloni, attraversata da un pesante alito di plastica bruciata che si introduce svogliatamente nel ritmo della respirazione. Luca ci dice che nel campo convivono, non sempre cordialmente, diversi gruppi, dai Khorakhanè ai Kaloperi, divisi per famiglia, provenienza, lavoro o religione, organizzati in nuclei abitativi separati, tanti piccoli quartieri di una città senza luoghi.

Gruppi di bambini giocano a rincorrersi, misurando, con le immagini create dai loro movimenti rapidi, con le eco diffuse dalle loro voci acute, ogni frazione di questo spazio che, per noi gadže, uomini non romaní, sembra estendersi al di fuori di ogni coordinata. I bambini si avvicinano, riconoscono il furgone come elemento di alterità ma ci sorridono con malizia e chiedono chi stiamo cercando. Luca deve parlare con uno dei capifamiglia e sa dove andare. C’è anche un cartello che è infisso su un’inferriata e indica chiaramente la strada: "vendita di gelati da Dijean”. Un gruppo di case delimita la circonferenza di un cortile, dove parcheggiamo il furgone. Dijean ci viene incontro, conosce bene Luca ma non noi. Ci sorride e si presenta. Non è molto alto ma ben piazzato, un ciuffo di capelli neri gli copre la fronte, un accenno di mosca stende un ombra di vanità sul mento. Vorrei chiedergli il significato di quel cartello ma la domanda potrebbe sembrare retorica, insulsa oppure fraintendibile. Ci fa entrare in casa sua e fa cenno alla figlia di preparare il caffè. Ci sediamo a un grande tavolo di vetro e legno laccato in bianco. Uno schermo piatto è appeso in alto, i fili scompaiono nella parete. Sullo schermo passano le immagini di un talent show presumibilmente rumeno. La casa è divisa da tende, pareti animate dal vento che determinano le funzioni delle camere con un’incertezza invadente o accogliente. Ogni angolo serve a qualcosa ed è stato qualcos’altro. Nell’incoerenza dei colori e dei materiali, nella sovrapposizione tra le dimensioni, c’è un linguaggio fatto di codici complessi e simboli stratificati, un’architettura orale, scandita dall’alternanza di impurità e preziosismi. Questa periferia di legni, lamiere, plastiche, vetri, cavi, corde, è tenuta insieme da una sapienza millenaria che dichiara con consapevolezza le peculiarità del proprio stile. L’instabilità è la condizione strutturale di queste cattedrali, come un composto volatile che si è cristallizzato in una forma organica e attraversabile. Ciò che i gadže chiamano casualità, qui diventa un canone costruttivo e interpretativo.

«Quando verrà Matteo Salvini, noi ce ne dovremo andare», Dijean lo ripete più volte con un nota di superficialità che incrina la voce della paura o della rabbia. È un sentimento ibrido, impossibile da comprendere e profondo, le sue radici si estendono dall’Italia all’Austria e alla Germania, fino alla Serbia, alla Romania, alla Bulgaria, al Kosovo. Dijean vive a Napoli da più di dieci anni, ha un lavoro, forse più di uno, e quattro figlie che vanno a scuola e che, probabilmente, la lasceranno appena superata l’età di un obbligo straniero che non hanno proprio motivo di riconoscere. Li salutiamo e ci invitano per la festa del giorno seguente. La più piccola compirà gli anni e, tra la casa di Dijean e le altre, c’è una via vai di vassoi carichi di torte bianche. 



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di mario francesco simeone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram