Arte, video arte o documentario? 3081 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
16/10/2018
Allestimenti digitali. Ultime settimane per le iscrizioni al Master dell'Università Iuav di Venezia
16/10/2018
Illy presenta la collezione mug ispirata al manifesto di Marina Abramovic per la Barcolana
16/10/2018
Inside Magritte. A Milano, il percorso multimediale dedicato al genio del Surrealismo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Arte, video arte o documentario?

   
   
 
Arte, video arte o documentario?
pubblicato

Le belle storie nascono sempre quando di mezzo ci sono belle persone. Come questa per esempio. Che è la storia di Emanuele Napolitano e Zaelia Bishop, artisti entrambi, che si incontrano, diventano amici, si stimano, e da una serie di discussioni tra di loro inizia una intensa collaborazione che li porta a decidere di lavorare assieme nella realizzazione di documentari. Che poi non sono documentari, o perlomeno non solo, ma sono anche altro, sono a cavallo tra video arte e documentari, sono in fondo un tentativo di spostare le barriere tra cinema e documentario. I due lavorano bene insieme, tanto che per la seconda volta vengono invitati a Cannes all’interno dello Short Film Corner. Il titolo di questo lavoro è Chasing Boundaries, ed è il tentativo, una prova, una volontà di raccontare cosa significhi fare arte in zone non decisamente pacifiche. I due hanno intervistato una serie di artisti che vivono in Israele per cercare di capire quanto il loro stare in zone tanto complesse abbia avuto un riscontro nei lavori realizzati. Documentario dal forte spessore politico, inteso in senso buono ovviamente, che prova ad analizzare circostanze ed eventi, sapori, commistioni tra pubblico e privato.  Non si tratta di un lavoro unico, ma è solo il primo di una serie che i due hanno deciso di realizzare sempre in posti in cui l’arte si scontra con le difficoltà della vita vera, che in alcuni casi, anche spesso, hanno a che fare con la guerra.

"È un documentario che si interroga sulla natura stessa del documentario. Ha una struttura che segue molto le dinamiche  di video arte proprio perché sviluppato da artisti", così mi racconta Emanuele Napolitano, che potrete ascoltare anche voi stasera da Albumarte, Via Flaminia 122, a Roma, dalle ore 20, per la prima della prima. Io ci sarò, e vi aspetto!



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram