Fino al 12.VI.2016 - Michelangelo fotografato da Aurelio Amendola - Fondazione Giorgio Con... 3098 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
BLOG
MARGINALIA #16
SENTI CHI PARLA
A TEATRO!
CURATRIAL PRACTICES
DAL MONDO DELLE ASTE
READING ROOM
Exibart.segnala
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 12.VI.2016
Michelangelo fotografato da Aurelio Amendola
Fondazione Giorgio Conti, Carrara

   
   
 
pubblicato

Il rapporto che da anni si è ormai instaurato tra le sculture di Michelangelo e l’obiettivo di Aurelio Amendola – maestro della fotografia contemporanea – è qualcosa di intimo e di speciale e che si esplicita in una serie di immagini scrupolosamente in bianco e nero che penetrano nel profondo delle opere del maestro del rinascimento.
L’occhio di Amendola va al di là della forma, analizza la qualità della materia proponendoci dei veri e propri "ritratti” delle opere del divino Michelangelo nelle quali la luce accarezza la superficie, la modella e in un certo senso la trasforma aggiungendo un pathos incredibile che rafforza le già sublimi opere michelangiolesche.
Nei nuovi spazi espositivi di Palazzo Cucchiari a Carrara è possibile ammirare fino al 19 giugno una trentina di queste foto dove al volto pensoso di Giuliano de’ Medici duca di Nemour della Sagrestia Nuova di San Lorenzo a Firenze fa da contraltare il profilo ieratico e austero del David. Alla massa muscolosa dei corpi reclinati del Giorno e della Notte, del Crepuscolo e dell’Aurora (sempre dalla Sagrestia nuova) si contrappongono scatti quasi astratteggianti dei panneggi della pietà di San Pietro o di alcuni particolari anatomici che evidenziano l’approccio alla materia che Michelangelo propone per poter ottenere differenti soluzioni stilistiche.

Aurelio Amendola, David, Michelangelo_Galleria dell'Accademia 2001_TAGLIO 140X150cm Copyright Aurelio Amendola

La luce è la componente essenziale che modula ogni scatto, forti contrasti, contorni netti e marcati, scorci singolari e inconsueti: Amendola, insomma, scolpisce con la luce quello che Michelangelo ha scolpito nel marmo.
Le basse volte in cotto dello spazio espositivo sottolineano l’intimismo di certi scatti fotografici togliendo un po’ della monumentalità con cui siamo abituati a leggere le opere michelangiolesche per accentuare quell’umanità intrinseca all’artista del rinascimento che Amendola sa perfettamente restituirci. 
Come Michelangelo era solito scolpire con la tecnica "a levare” poiché l’opera era già imprigionata nel marmo e bisognava solamente portarla alla luce, così Amendola con i suoi giochi di luce, una tecnica magistrale e una sensibilità dirompente, fa affiorare quello che Michelangelo aveva creato. 

Enrica Ravenni
mostra visitata il 19 marzo

Dal 19 marzo al 12 giugno 2016
Michelangelo fotografato da Aurelio Amendola
Palazzo Cucchiari – Fondazione Giorgio Conti
Via Cucchiari 1, Carrara
Orari: da martedì a domenica 15- 19;
Info: 0585 72355, www.palazzocucchiari.it; www.amendolacarrara.it
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Enrica Ravenni
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram