Due mostre mai realizzate, che potrete scoprire "navigando" nel MoRE Museum. Ecco le ultim... 3061 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Due mostre mai realizzate, che potrete scoprire "navigando" nel MoRE Museum. Ecco le ultime acquisizioni della speciale istituzione

   
   
 
Due mostre mai realizzate, che potrete scoprire "navigando" nel MoRE Museum. Ecco le ultime acquisizioni della speciale istituzione
pubblicato

Quattro anni di vita, e una serie di "acquisizioni" importanti: il MoRE Museum, progetto di Elisabetta Modena e Marco Scotti, dedicato ai "refused and unrealised art projects", dopo aver inserito tra le sue pagine i progetti di Davide Bertocchi, Bianco-Valente, Flavio Favelli, Regina José Galindo, Goldschmied & Chiari, H.H. Lim, Giulio Paolini, Cesare Pietroiusti ed Erwin Wurm, solo per citarne alcuni tra i tanti, stavolta vi presenta due nuove mostre virtuali.
Da oggi, infatti è in scena "Quando il pubblico rimane privato. Progetti non realizzati di Luca Vitone": il primo è il Concorso di progettazione Piazza Verdi - La Spezia proposto nel 2009 insieme all’architetto e curatore Frank Boehm (sopra), vinto poi tra mille polemiche da Daniel Buren; il secondo è il concorso (rimasto inedito) per la progettazione di un monumento dedicato ai disertori del nazismo, pensato nel 2009 per il centro della città di Colonia (in home page) che Vitone aveva immaginato come un pennone di 12 metri circa alla cui sommità oscilla al vento una banderuola decorata con il simbolo dell’infinito, fissato su una placca di ferro su cui compare la mappa della città di Colonia.
La seconda mostra "Evidence of absences" è stata invece ideata dal curatore ospite del MoRE Elena Lydia Scipioni e coinvolge gli artisti Mathis Collins, Maria Adele Del Vecchio, Ibro Hasanović, G. Küng, Sandro Mele e Kostis Velonis. Di che si tratta? Di sei opere rimaste incompiute e qui raccolte per una possibilità di "riconsiderazione", per individuare i possibili prodromi di un cambiamento e gli indici di un pensiero la cui piena evoluzione richiede ancora tempo, ricerca e sostegno. Non a caso, l'immagine guida scelta dal curatore è un omaggio agli artisti presenti in mostra e a tutti gli artisti - senza dimenticare curatori e galleristi - che ogni giorno resistono alle intemperie del sistema dell'arte con ogni mezzo. Un omaggio anche a MoRE e all'Università di Parma che da tre anni si fanno motore di raccolta, conservazione e possibile rilancio di questi progetti. Non perdeteveli! 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram