MUSICA NOSTALGIA 3121 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
recensioni
rubriche
         
 

MUSICA NOSTALGIA

   
 Bug, Dinosaur Jr

  
 
pubblicato

Perché ho scelto questo lavoro? Le ragioni della mia scelta sono tante; sarà che quest’album è mio coetaneo, sarà che io (e non solo io) considero i Dinosaur Jr un gruppo alternative rock cardine della musica moderna, una forte fonte di ispirazione per altre band tra cui i Nirvana. Un gruppo incapace di cadere nella monotonia, sempre avido di sperimentazione. 
Bug, terzo album dei Dinosaur Jr, esce nel 1988 ed è l’ultimo lavoro della formazione originale del gruppo che rimarrà separata per ben diciannove anni per riunirsi poi nel 2007. Tale formazione si compone di soli tre elementi:  j.Mascis (chitarrista e autore della quasi totalità dei brani della band e di tutti i pezzi presenti in Bug), Lou Barlow (Bassista e cantautore) e infine Murph alla batteria.
Freak Scene, il brano probabilmente più conosciuto del Cd, presenta un suono fresco e giovane, asciutto, a tratti graffiante e melodico; questo pezzo che apre il CD ci fornisce fin da subito un’inquadratura di massima del genere rappresentato dai Dinosaur Jr e che consiste sostanzialmente in una strana e originale ibridazione fra punk ed evidenti elementi in puro stile guitar hero dispensati a kilogrammi  dalla chitarra del nostro J.Mascis.
Con No Bones s’inciampa in caduta libera in un vortice spezzato di continuo da linee pseudomelodiche; la voce del cantante e le sue sfumature la fanno da padrone in questo pezzo; il particolarissimo timbro di J. Mascis è infatti un accordato/stonato emblema degli anni ‘80 e ‘90 e in questo brano si esalta ulteriormente. La corta, estiva e sbarazzina Pond Song sembra una breve frasca estiva che rinfresca e alleggerisce l’aria tra due pezzi caldi, distorti e a ritmi sincopati come Budge e Let It Ride. La batteria di The Post rallenta di nuovo la sequenza donandoci un battito a tratti solenne mentre Don’t chiude l’album con 5.41 minuti di distorsioni e follia.
In breve, quest’album è un piccolo mondo, un micro ecosistema biologico-musicale del tutto autosufficiente.


Tracce

1. "Freak Scene"   3:36

2. "No Bones"   3:43

3. "They Always Come"   4:37

4. "Yeah We Know"   5:24

5. "Let It Ride"   3:37

6. "Pond Song"   2:53

7. "Budge"   2:32

8. "The Post"   3:38

9. "Don't"       5:41 

Fabio Gagliandi
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Fabio Gagliandi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram