Fino al 1.XII.2016 - Odessa Straub, Tears in housebreaking letting the cold - Galleria Ac... 3033 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/03/2019
Bolzano29 è il nuovo spazio di Milano dove far circolare idee
25/03/2019
Una nuova identità per l'ex Manifattura Tabacchi di Cagliari. 5mila euro al vincitore
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 1.XII.2016
Odessa Straub, Tears in housebreaking letting the cold
Galleria Acappella, Napoli

   
  Elvira Buonocore 
 
Fino al 1.XII.2016 - Odessa Straub, Tears in housebreaking letting the cold - Galleria Acappella, Napoli
pubblicato

Giovane ma con una già decisa coscienza di sé, che prescinde dalle sue particolari applicazioni, Odessa Straub (Brooklyn, 1989) è l'artista americana in mostra presso la Galleria Acappella di Napoli. "Tears in Housebreaking Letting the Cold" è il titolo fumoso, volutamente oscuro, della sua prima personale in Italia, da cui si evince un atteggiamento più che un universo artistico: il piglio leggero di chi comincia qualcosa e non si riserva di giungere a patti in alcun modo, volendo imporsi nella sua vera natura. Non si può prescindere, in questo caso specifico, dalla giovinezza dell'artista newyorkese, laddove questa meravigliosa leggerezza dell'età riesce a fuorviare il giudizio, facendo traballare la certezza delle nostre opinioni.
Le tavole cariche di colore lasciano una sconcertante libertà di intenti e interpretazioni, senza creare legami, vincoli nella suggestione che al contrario, pacificamente, si sviluppa intimamente, in ciascuno di noi. Ma l'assenza di quell'intento, di una ferma volontà, si evidenzia mettendosi al centro dell'esposizione, coprendo tutto quel colore con un interrogativo pressante: esisterà mai un basamento, un piattaforma basilare che funga poi da trampolino, per lo zampillare di queste forme che vediamo sulla tela? 

Odessa Straub, Tears in housebreaking letting the cold, veduta della mostra, Napoli 2016

Dunque un esercizio di libertà, un fervore giovanile, forse, tale da comprometterne la spinta iniziale, l'autenticità dell'intento che cerca, appunto, uno spazio libero. Le tele di Odessa Straub tracciano un senso che ha l'andamento del tentativo e prendono tuttavia la misura dell'eccesso, della rumorosa manifestazione che si fa della propria umanità quando si è giovani. Un’umanità uguale alle altre che, tuttavia, con quelle altre si sente in conflitto e talvolta in armonia, con un'alternanza irascibile di umori. E la forza prorompente di questa energia si manifesta nella stesura, da parte dell'artista, di un testo poetico dove la metafora è spinta ben oltre le sue necessità.
Il "freddo" del titolo, che entra in una casa quando viene violata, potrebbe condurre il visitatore dentro una dimensione più sacrilega, suggerendo il motivo di una violenza, l'immagine di un posto saccheggiato dal vento, portando così un'atmosfera di intimità che, necessaria a tutti, resta soltanto accennata. 

Elvira Buonocore 
Mostra visitata il 17 ottobre

Dal 15 ottobre al 1 dicembre 2016 
Odessa Straub, Tears in housebreaking letting the cold
Galleria Acappella
Galleria Acappella 
Via Cappella Vecchia, 8 – Napoli 
Orari: dal martedì al venerdì, dalle 17 alle 20; il sabato dalle 11.30 alle 13.30 
Info: galleriacappella@gmail.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Elvira Buonocore
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram