Art sweet art. Tappa romana per il progetto di interventi "specific-home", dove i collezio... 3057 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/07/2019
Una gara da 2 milioni di euro per il risanamento del Museo Archeologico di Aquileia
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Art sweet art. Tappa romana per il progetto di interventi "specific-home", dove i collezionisti diventano elemento fondamentale per la realizzazione dell'opera

   
   
 
Art sweet art. Tappa romana per il progetto di interventi "specific-home", dove i collezionisti diventano elemento fondamentale per la realizzazione dell'opera
pubblicato

Il progetto è nato lo scorso maggio, dall'idea di Laura Caruso e Saverio Verini. Si chiama "Art Sweet Art", e si tratta di una piattaforma dedicata alle residenze d’artista direttamente da svolgere in residenze private. Un progetto che vuole favorire lo scambio e l’interazione agevolando l’incontro tra artista e pubblico, coinvolgendo quest’ultimo nel processo creativo.
Dopo le prime 4 tappe in Toscana e Umbria, per "Art Sweet Art" è la volta invece di sbarcare nella Capitale, in un appuntamento speciale tra una settimana esatta, giovedì 15, con un'inaugurazione domestica dell'opera di Leonardo Petrucci a casa della famiglia Fazio - Basileo (nella foto sopra, con l'artista) e poi una presentazione ufficiale dell'iniziativa da smART - polo per l'arte, in piazza Crati.
Volete sapere un po' anticipatamente di che si tratta? Facile: attraverso il sito web potete scegliere un artista da ospitare a casa vostra. Attraverso una serie di incontri, di scambi, di conoscenza tra proprietari e creativo, quasi automaticamente, verrà generata l'opera. In questo caso decisamente molto più che un site-specific, ma un'esperienza che ha in se anche una forte parte collaborativa, dalla scelta dei contenuti, dei soggetti, della tecnica, dell'allestimento, fino alla condivisione dello spazio domestico. 
Tra i vincitori del bando Culturability 2016, tra 522 progetti partecipanti, a spiegare questa prima tappa romana è proprio la collezionista Stephanie Fazio, "madrina" dell'opera che Leonardo Petrucci costruirà per la loro abitazione: un dipinto-installazione che abbina la ritrattistica classica ad aspetti più concettuali e contemporanei, da scoprire all’interno della casa. «L’idea della residenza d’artista in un’abitazione privata ci ha subito entusiasmato, così - in maniera quasi impulsiva - abbiamo chiesto di partecipare al progetto, invitando Leonardo Petrucci, artista che già conoscevamo, molto apprezzato da me e mio marito. Leonardo ha esplorato e setacciato con grande discrezione i nostri spazi, i nostri interessi ed affetti. Il fatto che Poldo (il nostro beagle) fosse spesso al centro delle nostre attenzioni, ha dato l’idea a Leonardo di lavorare attorno alla sua figura, come presenza viva e fondamentale nella casa. Non riveliamo altro, possiamo solo dire che l’opera a lui dedicata lascerà una "traccia” permanente all’interno della nostra abitazione», ha dichiarato Fazio. Vedremo anche noi il risultato. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram