Il padiglione in guerra 3094 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il padiglione in guerra

   
   
 
Il padiglione in guerra -
pubblicato

L’artista francese Francis Alÿs sta lavorando alla realizzazione di un’opera per il padiglione dell’Iraq della Biennale Arte di Venezia, che aprirà i battenti il 13 maggio 2017. Il lavoro, commissionato dalla Ruya Foundation, sarà ispirato alla sua recente esperienza nella città irachena di Mosul, contesa dall’esercito governativo e dai jihadisti dello Stato Islamico. Alÿs ha passato del tempo con le forze curde e ha visitato un campo profughi che si trova nel nord del paese. Il suo intento è analizzare il ruolo degli artisti nelle zone colpite dalla guerra e il tema del nomadismo. I
l padiglione iracheno, intitolato "Arcaico”, ospiterà anche una serie di manufatti archeologici provenienti dalla regione, insieme alle opere di sei artisti contemporanei e di due maestri dell’arte moderna. I curatori del progetto sono Tamara Chalabi e il cofondatore di Ruya Paolo Colombo. Gli artisti chiamati a partecipare – tra cui Luay Fadhil, Ali Arkady, Sakar Slema, Sadik Kwaish Alfrajie Nadine Hattom – vivono tutti in Iraq o si sono traferiti all’estero e realizzeranno opere proprio per l’occasione. La mostra conterrà anche alcuni lavori di Jawad Salim, conosciuto ai più per il suo monumento alla libertà eretto a Baghdad nel 1958. (Giulia Testa)


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram