Daniel Buren, Sislej Xhafa e H.H.Lim, immortalati da Francesco Jodice: si accendono le luc... 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/07/2019
Una gara da 2 milioni di euro per il risanamento del Museo Archeologico di Aquileia
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Daniel Buren, Sislej Xhafa e H.H.Lim, immortalati da Francesco Jodice: si accendono le luci sulla Fòcara di Novoli 2017. Ecco le novità

   
   
 
Daniel Buren, Sislej Xhafa e H.H.Lim, immortalati da Francesco Jodice: si accendono le luci sulla Fòcara di Novoli 2017. Ecco le novità
pubblicato

Questo week end, precisamente domenica 11 dicembre, a Novoli sarà posata la prima fascina per la costruzione della monumentale pira della Fòcara 2017. Venticinque metri d'altezza, falò propiziatorio dedicato a Sant’Antonio Abate - versione cristiana di un rito agrario di tradizione millenaria, da anni la Fòcara è anche un evento che ha fatto della partecipazione dell'arte contemporanea il suo tratto distintivo, diventando una sorta di festival ambientale, e dove quest'anno saranno svariati gli artisti che - in una serie di atti performativi - dialogheranno con il grande fuoco pugliese, a pochi chilometri da Lecce.
A riscrivere quest'anno il "Manifesto" della Fòcara sarà Daniel Buren, che entrerà con le sue geometrie e le sue astrazioni dentro la stessa pira, mentre Sislej Xhafa, in nome della sua politica dell’estetica, "combattendo nel nome dell’Altro culturale, contro i pregiudizi e le strutture istituzionali, esplorando le realtà sociali, il consumismo e dei suoi meccanismi", come scrive Giacomo Zaza, terrà un workshop con gli stessi cittadini e anche H.H. Lim, terzo artista invitato per questa edizione, realizzerà una performance intitolata La Via del Falò divino, per la quale i costruttori della Fòcara saranno coinvolti in un pranzo intorno a un tavolo di fascine, costruito accanto alla grande pira, dove sarà offerto cibo e vino. Ciascun commensale siederà su una sedia la cui base in alluminio riporta una parola o segno dal sapore "simbolico” legato al senso dell’azione, alla commistione di elementi culturali differenti, sia orientali che occidentali, e a fine pasto avanzi e sedie e tavoli saranno a loro volta dati in pasto al fuoco, ritualmente: Ho pensato a questo pranzo come un qualcosa che potesse rappresentare una forma di interruzione rilassante durante la lavorazione dell’evento, come fosse una breve pausa in attesa della celebrazione della festa, spiega l'artista. 
A raccontare tutto, con i suoi scatti, sarà invece Francesco Jodice, che alla Fòcara probabilmente darà il tono che ben conosciamo delle sue immagini: uno storytelling antropologico, ribaltando i codici del documentario e costruendo tracce e indizi riguardo a nuovi modelli di organizzazione sociale, passando per la messa in posa dello scenario naturale. L'appuntamento ufficiale è il 16 gennaio, ma le prime scintille sono già partire!

Nelle foto: Gianfranco Baruchello, Fòcara 2016, foto di Nicolangelo Sciacovelli
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram