Fino al 17.XII.2016 - Martina Sauter, Shira Wachsmann - Arteealtro, Roma 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/03/2019
La storia di Galleria Borghese raccontata in un nuovo volume della Treccani
20/03/2019
Per questo fisico, la storia dell’arte si racconta con l’algoritmo dell’entropia
19/03/2019
L’open day della Rome University of Fine Arts, per rilanciare San Lorenzo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 17.XII.2016
Martina Sauter, Shira Wachsmann
Arteealtro, Roma

   
  guido nelli 
 
Fino al 17.XII.2016 - Martina Sauter, Shira Wachsmann - Arteealtro, Roma
pubblicato

"Spazio Itinerante” è un progetto che Elisabetta Giovagnoni sta portando avanti ormai da qualche tempo, cercando di innovare le modalità e il senso del lavoro della galleria in una città come Roma, che non sta vivendo un momento esaltante per l’arte contemporanea, e soprattutto nel settore privato. La sua idea di cercare spazi temporaneamente senza destinazione d’uso, o luoghi in altri ambiti impegnati, dove allestire mostre stimolando gli artisti a confrontarsi con situazioni molto diverse dal classico white cube, rappresenta senz’altro uno tra i tentativi più interessanti di uscire dalla situazione d’impasse in cui versa il settore a Roma. Non da ultimo anche per la possibilità di coinvolgere un pubblico diverso da quello abituale.
Always facing Things è l’ultima tappa di questo progetto, in corso fino al 16 dicembre in un suggestivo spazio del quartiere Monti.

Martina Sauter Shira Wachsmann, vista della mostra, foto di Luis Do Rosario

La mostra presenta due artiste che vivono in Germania, Martina Sauter (Costanza, 1974. Vive a Düsseldorf) e Shira Wachsmann (Tel Aviv, 1984. Vive a Berlino). Due artiste la cui ricerca è molto diversa per intenzione e formalizzazione, ma che hanno trovato una capacità di dialogo nel trovarsi giustapposte nello spazio inconsueto di via Panisperna. Martina Sauter lavora con la fotografia e abbina suoi scatti a fotogrammi di vecchi film per invitare l’osservatore a guardare la scena sia dall’esterno, in modo oggettivo, che dall’interno, in modo soggettivo, rendendolo protagonista di ciò che accade. Il lavoro di Shira Wachsmann verte invece sul concetto di casa, e partendo da studi biblici e filosofici s’interroga sul modo in cui questo topos possa fornire approfondimenti sul concetto d’identità. Nei suoi lavori affronta su più livelli la tematica del territorio e delle forme e dei materiali che alludono a rituali arcaici. 
Il titolo, Always facing things, nasce dalla frontalità dello sguardo che accomuna il lavoro di entrambe le artiste. Uno sguardo che agisce nelle immagini fotografiche della Sauter come una testimonianza diretta e inequivocabile, ma che è lo stesso per i disegni, le immagini e le sculture della Wachsmann. Entrambe affermano che le immagini, le cose che sono lì davanti a noi, non possono essere evitate ma è necessario prenderne atto, cercare di conoscerle attraverso lo sguardo in modo nuovo, rendendole così davvero parte del proprio mondo. Un modo che passa attraverso l'elaborazione di quel senso di mistero che le cose, tutte le cose, anche quelle più banali del quotidiano manifestano quando in un certo momento, e senza una logica apparentemente comprensibile, richiamano su di sé un'attenzione assoluta.

Guido Nelli
mostra visitata il 23 novembre

Dal 23 Novembre al 16 Dicembre 2016
Spazio Itinerante #2 - Always Facing Things
Martina Sauter, Shira Wachsmann
Associazione Culturale ARTEEALTRO
Via Panisperna, 74 – Roma
Orari: da lunedì a sabato dalle 15.00 alle 19.00 
Finissage 17 dicembre dalle 10:30 alle 15:00
Info: www.arteealtro.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di guido nelli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram