La Biennale più effimera del mondo a l’ile De la Biche, un lembo di sabbia caraibica desti... 3051 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/10/2018
Dopo il restauro, lo Smithsonian presenta le scarpette rosse indossate da Judy Garland nel mago di Oz
23/10/2018
1502 ragioni per partecipare al Premio Giovani Artisti Emilia Romagna, appena aperto
23/10/2018
Maratona Yoko Ono. Rassegna di film e cortometraggi allo Studio Stefania Miscetti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La Biennale più effimera del mondo a l’ile De la Biche, un lembo di sabbia caraibica destinato a scomparire tra i flutti. Insieme alle opere.

   
   
 
La Biennale più effimera del mondo a l’ile De la Biche, un lembo di sabbia caraibica destinato a scomparire tra i flutti. Insieme alle opere.  -
pubblicato

Per descrivere l’Ile De la Biche, un isolotto poco al largo della costa nord di Guadalupe, non si può fare a meno di ricorrere al campionario lessicale dei tour operator. Osservando su Google Earth questo lembo di terra emersa, è difficile immaginare qualcosa di diverso da un piccolo paradiso perduto. Soprattutto se, dall’altra parte del mondo, si è alle prese con un assortimento completo di cappotti, guanti, cappelli. D’altro canto sarebbe sbagliato credere che la Biche sia solo una meta di svago per occidentali in fuga perché, dal 6 gennaio, sarà sede della «Biennale più piccola al mondo», dicono Alex Urso e Maess Anand, fondatori e curatori. "Una terra di” è il titolo di questa prima edizione, una frase sospesa, senza verbo o specificazioni, più suggestione che tema, per lasciare quanto più possibile intatto il fascino «di un luogo geograficamente isolato ma, soprattutto, un punto distante da tutti i limiti e le convenzioni del sistema dell'arte contemporanea», continuano i curatori, che parteciperanno all’esposizione insieme agli artisti invitati: Karolina Bielawska, Norbert Delman, Michal Frydrych, Styrmir Örn Guðmundsson, Ryts Monet, Jeremie Paul, Lukasz Ratz, Lapo Simeoni, Saku Soukka, Aleksandra Urban, Yaelle Wisznicki Levi e Zuza Ziołkowska-Hercberg. Non è il primo posto che potrebbe venire in mente per una mostra e la scelta ha le sfumature di quella ineluttabile casualità che, spesso, fa intraprendere questo genere di progetti, «tutto è nato da una proposta di Maess Anand che si stava preparando per un viaggio a Guadalupe e, conoscendo la mia attività di curatore, mi ha chiesto di pensare a un evento da realizzare insieme, a La Biche. Da entrambe le parti è stata una decisione presa a occhi chiusi, ci siamo detti di provare, nonostante le evidenti difficoltà. Eppure tutto ha preso forma e i lavori stanno viaggiando proprio in queste ore verso l'isola», ci ha spiegato Urso. 
Una Biennale che suona più simile a un augurio che a un aggettivo, perché la sospensione non è solo geografica ma anche cronologica. Infatti, questo angolo di spazio delineato dai flussi, luogo senza luogo e pura eterotopia, è destinato a scomparire nel giro di alcuni anni, in modo inesorabile, a causa dell’innalzamento del livello del mare, portando con sé anche le opere, tutte realizzate con materiali degradabili. Disegni, fotografie, sculture, non sono più «frammenti monumentali e durevoli nella linea del tempo della storia dell’arte, ma fragili elementi che decadono, seguendo i limiti del mondo cui appartengono». (Mario Francesco Simeone) 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram