Artisti contro la destra. A firmare "Hands off our revolution" oltre 200 personalità da tu... 3067 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2018
Fotografare Cuba. A Novembre, via al workshop di Viaggiemete
20/05/2018
Sulla strada giusta, con il nostro nuovo Navigatore dell'arte
19/05/2018
Non è estate se non hai il materassino di Cindy Sherman e il telo di Yayoi Kusama
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Artisti contro la destra. A firmare "Hands off our revolution" oltre 200 personalità da tutto il mondo, per conquistare libertà e giustizia

   
   
 
Artisti contro la destra. A firmare "Hands off our revolution" oltre 200 personalità da tutto il mondo, per conquistare libertà e giustizia
pubblicato

"No alla società che ci vuole tutti uguali. No alla coercizione per renderci consumatori conformi. No al mondo avvelenato che spinge la gente a vivere in solitudine. No alla dislocazione, alla depressione e alla rabbia. L'arte è per l'empatia. L'arte è per amare i vostri fratelli e le vostre sorelle e voi stessi. L'arte è per la possibilità di vivere". A dirlo l'artista Mark Titchner, uno degli oltre duecento firmatari del movimento "Hands Off Our Revolution”.
Guidato da Adam Broomberg e nato Adam in risposta alla Brexit, alla crisi dei rifugiati, e ovviamente all'elezione di Donald Trump come presidente degli Stati Uniti, al gruppo - che abbiamo visto nelle piazze degli Stati Uniti nelle scorse settimane - hanno già firmato all'appello oltre duecento voci internazionali, tra cui Anish Kapoor, Wolfgang Tillmans, Steve McQueen, Laurie Anderson, Ed Ruscha, Matthew Barney, Rosalind Krauss, Okwui Enwezor, Iwona Blazwick e Catherine Wood.
La mission? Vi riportiamo uno stralcio del manifesto pubblicato sul nuovo sito: "Sappiamo che la libertà non è mai concessa – va conquistata. La giustizia non è mai scontata – è una pratica. Entrambe vanno protette e per entrambe è necessario lottare, ma mai come in questo momento esse sono state così fragili e sfuggenti. Come artisti, il nostro ruolo ci chiama al dovere di re-immaginare e re-inventare i rapporti sociali minacciati dal potere delle destre populiste. Partecipazione attiva, collaborazione, solidarietà sono nostro impegno e obbligo morale. Non resteremo in silenzio". 
Un po' come spiegava ieri Jonathan Meese: Agire, non Reagire. Vedremo che si combinerà!
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram