Per Jannis Kounellis 3104 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Per Jannis Kounellis

   
 È come se fosse un abbraccio collettivo, per tenerti ancora con noi. Ci manchi, ma non ti lasceremo andare via
 Alfredo Pirri e Ludovico Pratesi 
 
Per Jannis Kounellis
pubblicato

Quando ieri ho appreso la notizia ho pensato: se ne è andato un grande italiano. Jannis, Gianni per tutti noi, era veramente italiano, perché tanti anni fa ci aveva scelto. Aveva scelto l’arte italiana e la lingua italiana – come fai a lavorare in Cina, gli avevo chiesto molto tempo fa, i cinesi parlano solo cinese, e lui mi aveva risposto: «Io dappertutto parlo solo italiano e va benissimo» – e Gianni era veramente un grande.
Rischia di suonare retorico dirlo, ma oggi siamo tutti più soli, un po’ orfani. E mi stupisce che a percepirlo siano tantissimi, anche chi forse sa a malapena chi fosse Kounellis e che a dirlo sia la grande stampa, la radio, che finalmente si occupano, sebbene da morto, di un grande artista. 
Noi lo ricordiamo con il pensiero di due suoi amici e compagni di strada: Alfredo Pirri e Ludovico Pratesi. 
Ciao Gianni, un forte abbraccio da tutti noi. (ap) 

Jannis Kounellis, Senza titolo, 1967 Galleria L’Attico, Roma (foto Claudio Abate)

Lui che ha avuto la forza e la capacità di dire Noi

Non si dica, è scomparso. Scappare non è da lui, partire sì consegnarsi pure, dandosi all’esistenza e alle persone, alle forme e soprattutto all’ombra, che lo accolga proteggendolo.
Oggi, se fossimo cristiani, terremmo le mani giunte e gli occhi bassi. Se fossimo ebrei accenderemmo delle candele preoccupandoci di non farle spegnere e copriremmo gli specchi. Se fossimo islamici laveremmo il suo corpo partendo dalla testa e accenderemmo l’incenso. Se fossimo buddisti lo lasceremmo da solo preparando il riso da offrire all’altare di casa. Ma noi non siamo nulla di tutto questo, lui sì, ne è la somma, l’addizione di un intero mondo che chiede di essere compreso e non cancellato. "Noi siamo stati internazionali!” - Beato te, fra i beati, per avere la forza e la capacità di dire Noi perché ti  muovi nel mondo con il passo leggero del ballerino portando con te una pietra che ti àncora, impedendoti di volare via. Noi, adesso, sappiamo di poterci chiamare società grazie al tuo vincolo senza il quale saremmo tutti più immobili e soli.

Alfredo Pirri

null

Il pittore moderno, come in ogni epoca, è un uomo antico
Jannis Kounellis 

Jannis Kounellis se ne n'è andato. Un viaggiatore dallo sguardo alto, coraggioso, intenso, che aveva regalato a Pesaro una mostra straordinaria, che rimarrà nella storia della Pescheria. 
Ci conoscevamo da tempo, ma in quella settimana di luglio trascorsa insieme per allestire la mostra ho capito la sua forza, fatta di silenzi più che di parole, di frasi brevi ma incandescenti, e di una grandissima umanità. Camminava a passi larghi, con lo sguardo puntato sull’orizzonte come il capitano di un veliero in mare aperto, e con quello sguardo captava la complessità del mondo, che riusciva a rendere con opere potenti ed epiche, concepite come immagini dipinte. «Sono un pittore, la mia tela è lo spazio», diceva. Un combattente come Pier Paolo Pasolini, un poeta come Omero, un visionario che aveva puntato il dito su quel sottile crinale che separa il mondo arcaico e contadino da quello industriale con un alfabeto essenziale, che a Pesaro aveva voluto arricchire di un nuovo elemento, l’altalena. E poi di nuovo un  cavallo, solo, a trainare un convoglio carico di memorie, storie, tragedie, ombre e verità. Un’immagine carica di lutto, che oggi assume quasi la sinistra dimensione di un presagio.
Aveva scelto l’Italia, dove era arrivato nel 1956, a vent’anni. Voleva scoprire il Rinascimento, respirare la forza di Masaccio e di Caravaggio, che definiva pittori ideologici: «Hanno segnato la mia vita. I loro quadri non hanno il dogmatismo medievale delle icone. È gente che firma le proprie opinioni poetiche e le difende. La modernità della pittura è anche in quella firma».
A differenza di molti artisti italiani, non aveva paura di esprimere opinioni politiche: introdusse addirittura un congresso del PDS con un discorso memorabile. Queste frasi, pubblicate su Micromega nel 2004, riassumono il suo pensiero: «Oggi il pittore è l’ultimo anello di un’espansione di debolezza, voluto anche da una certa politica di sinistra, che ha voluto questa perdita di peso. Mentre una volta il quadro centralizzava l’interesse culturale, oggi è l’istituzione burocratica che offre la centralità, ma questa idea globale di pluralità allontana la critica ed è un discorso nefasto nascosto sotto un’apparenza libertaria».

null

Abbiamo vissuto tante storie insieme, con Gianni e Michelle, donna straordinaria accanto a un uomo straordinario, fin dal lontano 2002, quando ti avevo invitato alla mostra Incontri alla Galleria Borghese, dove avevi dialogato con il tuo amato Caravaggio. Poi, nel 2011, al conventino di Monteciccardo, perduto tra le verdi colline marchigiane, e infine alla Pescheria di  Pesaro, l’estate scorsa. Ci hai donato un capolavoro, quel "funerale napoletano” degno di celebrare il ventennale del Centro Arti Visive. 
Ciao Gianni. Da quando avevi scelto di essere cittadino italiano, nel 1992, eri diventato Gianni, e in ogni parte del mondo per comunicare avevi un’unica lingua: l’italiano. Rimarrai per sempre con noi, perché ci hai insegnato che un artista è, prima di tutto, una figura morale, che nemmeno la morte riesce a scalfire.

Ludovico Pratesi 
 

Oggi dalle 14:00 alle 19:00 sarà allestita la camera ardente in Campidoglio. I funerali si terranno lunedì 20 alle 11:30 nella Chiesa degli Artisti a Piazza del Popolo. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alfredo Pirri e Ludovico Pratesi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

2 commenti trovati  

18/02/2017
cristina cobianchi, Roma
Se sei un artista non muori. Cessa di esistere il tuo corpo, quel qualcosa che comunque, da tempo ormai non rispondeva più all'idea che avevi di te. Ma il tuo pensiero radicato nella tua arte, le tue idee che rappresenti attraverso le tue opere, quello che hai tentato di esprimere o sei riuscito a trasmettere , anche solo a quel qualcuno che ti ha capito, a quelli che ti hanno seguito, a quelli che avrebbero voluto ma non hanno potuto essere con te, le tue proteste, le tue rivoluzioni, le tue azioni, le tue visioni, la tua pratica energica o poetica, oppure entrambe le cose, la qualità del tuo lavoro, se è grande, vivono per sempre, che vuol dire all'infinito. O perlomeno finché la tua arte avrà la forza di esprimere qualcosa di immenso, visionario, nuovo e potente, fino a quando riuscirà a sovvertire il passato per predire le linee del futuro. Fino a quando non riusciranno a raddrizzare le immagini che avrai rovesciato, fino al giorno che quello che dicevi, tra lo stupore o peggio i sogghigni, degli altri, non diventerà pensiero comune, ma anche allora si ricorderanno chi per primo l'aveva indicato. L'arte non muore mai, per questo richiede tanto a chi la pratica, perché poi, solo se sei grande e la sai fare veramente, lei ti ricambia donandoti la vera e forse l'unica immortalità. Per questo sarai sempre vivo in tutto il mondo Jannis Kounellis, perche tu eri tra questi straordinari visionari, oltre ad essere profondamente umano. Per ora l'ultimo grandissimo universale artista di questa città, che hai molto amato e alla quale hai dato tantissimo. (Cristina Cobianchi)

17/02/2017
francesca pasini
Ho in mente tante sue opere straordinarie, ma in questo momento penso all’installazione di Chagny,
alla fine degli anni 80, da Pietro Sparta. Gianni mi aveva detto che sarebbe stata una sorpresa, così
non gli avevo chiesto nulla. Quando sono arrivata, nel cortile ho sentito uno strano profumo, man
mano che salivo la scala che portava alla galleria mi sono resa conto che l’aroma proveniva da
quelle stanze. Varcata la soglia, ho visto centinaia di bicchieri pieni di Marc de Champagne che
reggevano delle figure di ferro, un po’ ritratti di persone, un po’ forme fluide naturali. In ogni
stanza i bicchieri di Marc de Champagne interagivano con un grande repertorio di figure. Una
composizione che coinvolgeva tutto, il luogo, la vista, la prospettiva, l’olfatto. Uno spettacolo
inebriante, che voglio ricordare per fare un brindisi a questo “pittore italiano”, come lui si definiva,
e alle sue straordinarie visioni che fanno parte della storia di tutti, in tutto il mondo.


trovamostre
@exibart on instagram