In Congo il primo museo sulla disuguaglianza: un white cube piantato in quello che era un ... 3100 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
recensioni
rubriche
         
 

In Congo il primo museo sulla disuguaglianza: un white cube piantato in quello che era un campo per la produzione di olio di palma

   
   
 
pubblicato

Un nuovo museo incentrato sui temi della disuguaglianza in tutto il mondo aprirà ad aprile su una ex piantagione di olio di palma della società inglese-olandese Unilever, nella foresta congolese. Il White Cube ospiterà il Centro di Ricerca Internazionale Lusanga per l’Arte e la disuguaglianza economica (LIRCAEI), nato come iniziativa congiunta tra il Plantation Workers Art League del Congo (CATPC) e l'Istituto per le attività umane con sede ad Amsterdam. La missione del Centro è quello di trasformare le ex piantagioni in aree per "critica artistica, bellezza e diversità ecologica" per indagare come l'arte possa riparare alla disuguaglianza economica. 
Il progetto sarà finanziato dai profitti che i membri del CATPC ricaveranno dalla vendita delle loro opere, cercando di riuscire a riportare soldi nella loro comunità, riacquistare terreni, e finanziare altri progetti di sviluppo.  L'inaugurazione del centro includerà contributi di artisti e lavoratori delle piantagioni: come riportato da Artforum, in un comunicato ufficiale è riportato che: "Affermandosi sul fondamento di un nuovo ecosistema economico e artistico, piuttosto che attraverso il mercato esistente (molte istituzioni in cui, la Tate Modern, il Van Abbemuseum e il Museo Ludwig, sono state costruite in parte con i fondi ottenuti attraverso lo sfruttamento dei lavoratori delle piantagioni), LIRCAEI e il nuovo white cube rappresentano un nuovo modo di procedere, attraverso l'arte, per le comunità che hanno perso i loro diritti civili".
Lo spazio ospiterà anche convegni e studi d’artista e inaugurerà con una mostra che esamina il rapporto tra arte, ecologia e l'economia.  Ma l’avvio del Centro è solo il punto di partenza: è previsto infatti anche un progetto di ricerca di cinque anni con l'obiettivo finale di creare un nuovo modello economico sostenibile, utilizzando l'arte come catalizzatore, per poi essere avviato in scala maggiore in tutto il paese.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram