Save the date: 15 giugno 2018. Si apre "Manifesta 12" a Palermo, in un città che è una "ge... 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/12/2018
La cultura dell’olio d’oliva. Fino al 21 dicembre aperte le candidature per il bando OLE@ART
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Save the date: 15 giugno 2018. Si apre "Manifesta 12" a Palermo, in un città che è una "geografia", e che sarà incrocio di un nuovo mondo

   
   
 
Save the date: 15 giugno 2018. Si apre "Manifesta 12" a Palermo, in un città che è una "geografia", e che sarà incrocio di un nuovo mondo
pubblicato

Le presentazioni, stamane, sono state in un "piccolo angolo di Sicilia" a Milano, come ha ricordato Hedwig Fijen - direttrice di Manifesta: la nuova galleria di Francesco Pantaleone, a Porta Romana.
Un breve momento di isolanità, tra arancini e calici di vino Tasca, per raccontare la dodicesima edizione di Manifesta, con Ippolito Pestellini Laparelli (partner dello studio OMA di Rem Koolhaas) coordinato della kermesse europea biennale, e itinerante.
Iniziamo dalla data: opening al pubblico il 15 giugno 2018 (fino al 4 novembre) per una manifestazione che - specifica Fijeng - non sarà più soltanto legata all'arte contemporanea ma completamente interdisciplinare.
Il prossimo maggio, invece, saranno presentati i progetti dei 4 Creative Mediator, che oltre a Pestellini includono anche la svizzera Mirjam Varadinis, curatrice del Kunsthaus di Zurigo, l’architetto, artista e studioso spagnolo Andrés Jaque, fondatore dell’Office of Political Innovation e Bregtje van der Haak, regista e giornalista olandese.
Tra le "mission" di Manifesta, infatti, vi è quella di "sbloccare" le città dove la Biennale opera, e nel caso di Palermo si lavorerà a strettissimo contattato non solo con la città, nel suo senso urbanistico, ma anche con i cittadini.
Non un'esposizione, insomma, non una rassegna di "curatori", rimarca Pestellini, ma un vero e proprio lavoro su una città che è una "geografia", nei quali si prenderanno in esame i temi dei nostri giorni attraverso la partecipazione: xenofobia, confini, paure dell'altro ma anche condivisioni, cambiamento climatico, immigrazioni, con un vasto team di persone e personaggi invitati a collaborare, dagli studenti universitari ai professionisti dell'arte e non solo. Per iniettare nuove energie in una città che ha ancora tantissime potenzialità inespresse. Stay tuned! 

Sopra da sinistra: Pantaleone, Fijeng e Pestellini
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram