Ludovico Pratesi 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Ludovico Pratesi

   
   
 
Ludovico Pratesi
pubblicato

Premetto che, finora, ho visto solo la mostra centrale ai Giardini, ma non ancora l'Arsenale. Posso dire che è una Biennale "soft", dolce, quasi un po' domestica. Con dei buoni lavori e un buon allestimenti, ma ancora nulla che dia la zampata, il taglio di questa Biennale. 
Ci sono alcune cadute: la piccola antologica a Raimond Hains è piuttosto inutile, e tutto sembra un piccolo museo. Per adesso mi pare, insomma, non vi sia la temperatura di una Biennale.
I padiglioni nazionali, invece, sono sorprendenti. Hanno un livello molto alto di allestimento, e forse per la prima volta ci sono tanti padiglioni molto interessanti, anche tra i Paesi che negli anni scorsi erano stati marginali nell'offerta. 
Nell'area centrale molto buono è il Padiglione della Svizzera, nel suo dialogo con Alberto Giacometti; poi la Germania che potrebbe essere il Padiglione designato a vincere il Leone d'Oro; molto interessante il Padiglione brasiliano, quelli australiano e austriaco, quello rumeno - bellissimo - con la personale di Geta Bratescu (nella foto sopra), quello greco. A latere, off Giardini e Arsenale, particolarmente buono il progetto di Shezad Dawood, "Leviathan", alla Palazzina Canonica. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram